DIZIONARIO

Torna alla pagina iniziale di Croce
CROCE DI PIAVE
A B C D E F G H I L M N O P Q R S T U V Z

NOTA: attenti bene agli accenti: Ŕ aperta (egli Ŕ), Ú stretta (perchÚ), ˛ aperta (per˛), ˇ stretta (amˇre). La e e la o non accentate sono chiaramente sempre strette.
La z dolce (sonora) in inizio di parola (e raramente in mezzo) Ŕ indicata col punto sopra ( ż).
La s pronunciata con la lingua tra i denti Ŕ indicata con la θ (theta)

Per la pronuncia della s (e delle varie parole in generale) CLICCA QUI.


A
Cominciano per A tutte le parole che in italiano cominciano per LA e perdono per apocope la L iniziale: ĺÓgrema (lacrima), ĺamÚta (lametta), ĺampadina, ĺasÓr (lasciare), ĺavÓr (lavar), Óvaro (labbro)
a buýni (a puÓ)
aguÓz (rugiada)
albÚo (abete)
Ómia (zia)
Ómoeo (susina selvatica, goccia dĺoro), amoŔr  e lĺalbero.
amˇr (nella locuzione far amor = corteggiare)
Ónara (anatra)
anca (anche)
anc¨o oto (fra otto giorni)
anda (andatura, portamento)
Óo... (comando col quale si arrestano i buoi)
arÓdio (radio)
argagno (arnese, affare, ordigno, qualcosa che intriga e non serve. Per traslato: persona pedante)
armeýn o armiýn (albicocca)
armŔr, armerˇn (armadio)
Órzere (argine)
└reo! (forma contratta che significa: "ehi, tu!")
a
Úo (aceto)
a son de... (a suon di, a furia di...)
Óstico (elastico)
ĺAstra o lastra (finestra. Sera ĺa lĺastra)
avÓnto (sopravvento, precedenza, vittoria: el gĺha portÓ via lĺavanto)
Óvar

B
Cominciano per B molte parole che in italiano cominciano con ABB-

bajoni (coppia di bastoni legati tra loro in successione ad una estremitÓ con la corda che funge da snodo. Servivano per "battere i fagioli", ovvero per separare i fagioli dai baccelli)
bachÚt (bacchetta, ramoscello)
badýa (badile)
bÓea (palla; bÓea de lĺocio = pupilla. Ma anche bugia e ubriacatura)
bagoeÓr (chiacchierare. Per estensione: andare a zonzo)
bando (star de bando: stare in giro, essere inattivi)
barba (zio)
bÓrboe (bargigli dei gallinacei)
baro (ciuffo, cespo, covone)
bavari˛l (bavaglino)
bÓvaro dee suore (soggˇlo)
baziÓr (pazziare, uscire di testa)
baziÚt (pazzo)
becarýa (macelleria)
becÓrse (bisticciare)
bechŔr (macellaio)
bet˛nega (invadente, chiacchierona. Lĺerba bettonica Ŕ infestante)
berebÚtoea (onomatopeico per lucertola)
bŔro (sedere, quando Ŕ grosso)
bŔssi (quattrini)
bicýer (bicchiere)
bichign˛l (beccuccio, capezzolo, qualsiasi cosa che sporge)
býgoeo (bigolo, ricciolo. Noĺl val un býgoeo = non conta nulla))
bisÓt (anguilla)
biss, bissa (biscia)
bonaman (mancia)
b˛t (ultimo tocco di campana prima che cominci la messa JĺÓ dat el b˛t)
b˛ta (botta, colpo, ferita); essar pien de b˛te; tegner b˛ta (tenere testa)
bisi (piselli. Adýo bisi = Tutto Ŕ perduto)
b˛ (bue)
b˛cia (giovane, apprendista)
b˛goeo/b˛gui (lumaca/he)
bombao (cotone)
borÚtoea (v. berÚbetoea)
b˛toeo (tutolo)
b˛za (boccia, bottiglia)
b˛ (bue)
buŔl (contrazione per budel=budello, persona tutta stomaco, mangione)
braghe/braghesse (pantaloni)
brazoeÓr (abbracciare)
brenta (tinello grande dove si pigiava lĺuva)
brentana (fortunale, peggioramnerto improvviso del tempo)
brýtoea (roncola)
br˛eo (brollo = orto giardino)
brˇnza (brace. Bronzha cuŔrta = una gattamorta)
br˛sa (freddo)
brumŔstega (brinata con nebbia)
bruscÓndoi (l¨ppolo, erba selvatica destinata alla cottura)
bruscÓr (potare i tralci della vite lasciando solo quelli pi¨ forti e adatti alla produzione di uva. Vedi anche "zharpýr")
bruschýn (spazzola)
bruschinar (spazzolare)
bruseghýn (bruciore)
brustuýn (odore di bruciato. Come moltri altri, deriva da brustoear = abbrustolire)
buÓnza (gelone)
buÓza (letame)
bubarata (fiammata)
buýfa (bolla, puntura di zanzara)
bunýgoeo (ombelico)
burŔa (biglia)
bureŔra (campo di bocce)
busÚta del boton (Ósola. Modo di dire: Ŕ pronto il vestito? Manca busÚte, botoni e tajarlo!)
but (gemma)
butÓa (gemogliata, ma anche battuta o freddura)
butÓrse in lŔt (coricarsi)
butýlia (bottiglia)
butýro (burro)
b¨toea (lombrico)

C
cagari˛ea (diarrea)
cagnon (lĺodore dei calzini sui piedi sudati)
cÓndoea/candoýn (rubinetto della botte)
cagna (chiave inglese ma anche femmina di cane)
caýcia (caviglia)
caývo/caýgo/caivŔra (nebbia. fiÓr caývo = essere impazziti)
calýera (pentola per la polenta)
cami (plurale di camion)
cÓmoea (tignola della pasta)
campanon (gioco da bambine da fare sul selciato spostando un sasso da una casella a unĺaltra saltando con un piede solo)
cÓneva (cantina)
canevÓz (catenaccio per portoni)
canevaza (canovaccio, strofinaccio)
can˛t (gambo secco del granoturco)
cÓo (capo, estremitÓ. CÓo deĺÓ = dallĺaltra parte)
capŔa (errore grossolano)
cardenza (credenza, madia)
caretŔl (botticella)
carga (carico, gran quantitÓ)
cariaĺa (o cariada) (solco creato dalla ruota del trattore o del carro)
cari˛ca (zoccolo)
carŔga o cadrŔga (sedia)
caregon (seggiolone)
carton de ĺa panza (...?)
cassŔa (cassetto)
cas˛in / Cas¨in (bottega di alimentari)
cavae˛t (cavallo delle braghe)
cavalieri (bachi da seta)
cÓvara (capra, Sgarbi)
cavÚi (capelli)
cavÚza (briglia)
cavin (sentiero di testa che costeggia il vigneto: dentro pai trodi fora pai cavini)
caza/caz¨t (mestolo in legno. Per estensione qualsiasi mestolo)
Cencio (Vincenzo)
cŔrega (chierica)
chŔba (gabbia. Metaforicamente testa: lĺha na bŔa cheba)
chechýn (gallo di razza Bantham)
cheb˛n (magazzino con tetto per le pannocchie)
chŔgoea (escrementi del coniglio o delle mosche)
ciÓcoea (chiacchiera e per traslato chiacchierone)
ciacoeon (chiacchierone)
cýapÓr (prendere, acchiappare ciapar un franco, ciaparse vanti, ciapar un colpo, ciapÓrsea)
ciapýn (presina)
ciÓve (chiave)
cýcara (chicchera o tazzina)
ci˛ca (chioccia)
ci˛do (chiodo)
ciompo (storpio, rattrappito)
coĺ (quando, con)
coa (cova)
c˛ca (chioccia)
cocal (gabbiano. CocÓl = persona con la testa sulle nuvole)
cˇdega (cotica)
codŔr (corno di bue vuoto dove il contadino poneva la pietra per affilare la falce quando andava in campagna per lo sfalcio dei fossi
codˇpa (tartaruga, vedi anche "gaeana")
coltrina (tenda)
conpagno (compagno)
conpanÓsego (companatico)
confusionÓ (confuso)
conseguenze (nella locuzione in conseguenze = incinta. Leggi a proposito il racconto Tant cussý di Carlo Dariol, su questo sito)
conzar (condire)
conzÚt (contenitore in legno stretto e lungo a cono che serviva per il vino)
cˇrt (corte/concimaia)
cortŔl (coltello)
copÓr (accoppare, uccidere)
copýn (estremitÓ del collo che si attacca alla nuca)
cˇpp (coppo, tegola)
cordŔa (fettuccia)
c˛ssa (cosa)
costi˛e (costicine)
cragna (sporcizia, sudiciume)
crŔp (crepa, fessura, strappo muscolare alla schiena)
cresemar (cresimare, ma anche picchiare)
criÓr (griadare)
crýgoea (stia per pulcini)
crivŔl (setaccio. Vedi anche tamiso e passýn)
cr˛coea (busse di lezione)
crosŔra dei occi
cr˛zoea (gruccia, stampella)
cruzio (cruccio, tormento, persona piagnucolosa)
cuciÓro (cucchiaio)
cuc¨maro (cetriolo)
cuŔrcio (coperchio)
cuerta, cuertˇr (coperta)
cuertˇr (copriletto)
cugnÓ (cognato)
culiera (dolina stretta e lunga allĺinterno dellĺorto culiera dei fasi˛i)
cunýcio (coniglio)
curame (cuoio)
curÓr (curare. Curar el poeÓstro = spennare, sventrare, pulire il pollo)
cusýr (cucire)
cussý (cosý)
cusýn (cuscino)

D
dadrýo (didietro, sedere)
darÚnte (vicino)
deb˛ta (per poco, quasi quasi)
den˛cio o żenocio (ginocchio)
dÚo (dito)
des- in molte parole che in italiano cominciano con la s- impura (desmoeÓ, despareciar, despegoeÓr, despetenar, destuÓr, desvidar...)
desbarozÓ (scombinato, scomposto, sconnesso... desbarozzÓ)
descalz (scalzo)
descapinŔe (senza scarpe)
desýo (disordine)
despicÓr (staccare, sganciare)
desposÚnte (sciocco, insulso)
destrigar (far le faccende di casa)
dezipar (rovinare)
diŔse (dieci)
dýndio (tacchino. Vedi anche "Piton")
disiÓl (ditale)
disnÓr (pranzare)
dˇ (due)
dob˛ta (per poco. Dob˛ta me cˇpe = per poco non mi uccido)
doman (de) altro (dopodomani)
donzŔa (comare, testimone di nozze)
d˛s (addosso)
drÚnto (dentro)
dreza (treccia)
drýo (dietro)
drizagno (rettilineo di strada, ma anche lungo rammendo fatto male)
durˇn (rene, ventriglio)

E
Cominciano per E tutte le parole che in italiano cominciano per LE e perdono per apocope la L iniziale: ĺecÓr (leccare), ĺevÓr su (alzarsi), ĺessÓr (lessare), ĺess (lesso), ĺŔzzar (leggere)...

F
fÓjo (faggio)
fasi˛l (fagiolo)
fas (fascio)
fasýne (fascine. No ĺver tute e fassine al cuert=essere un poco tocchi)
fÓvaro (fabbro)
fazoetˇn (scialle di lana nera)
fÚn (fieno)
fen˛cio (finocchio)
ferÓl/farÓl (fanale)
fÚte, fetoni (metaforico per piedi)
fetŔa (fettina)
fýa (figlia)
fiantýn (pochino)
fiapýrse (appassire)
fideýni (vermicelli, capelli dĺangelo)
figÓ (fegato)
fiorÚto (rosario recitato durante il mese della Madonna)
fi˛zo (figlioccio, di battesimo o di cresima)
fitantza (fittanza. Far fittanza=passeggiare per la strada incontrando amici e parlare con loro)
foeÓr (pigiare
fˇeo (mantice)
fˇlp (polpo)
f˛ra (fuori)
forato (mattone forato)
f˛ra viÓ (di nascosto)
forbýr (spolverare. Daĺ ĺna forbýa = dai una spolverata)
forŔst (forestiero)
fˇrfe (forbice)
fortÓja (frittata)
fracÓr (spingere)
franco (soldo)
frÚgoea (briciola)
freschýn (odore di pesce o altro, in ogni caso sgradevole)
frescura (arietta fresca)
freve (febbre)
frýtoea (frittella. Ma anche la vagina. Si dice anche di persona che si lamenta di tutto)
frýziga/frizigon (piagnucolone. La frýziga Ŕ il quadratino di lardo usato per friggere)
fruÓr (frugare, consumare)
frutari˛l (fruttivendolo)
fugaza (focaccia)
fumentÓr (affumicare)
fuminante (fiammifero)
furegˇn (chi fruga nelle cose. Per traslato: curioso)
furlÓn (friulano)
fusýl (fucile)
futignar (stroppiciare)

G
gabÓn/gabÓna (mantello in sostituzione del cappotto)
gaeÓna (tartarura. Vedi anche codopa. Per traslato berretto)
gaÚta (bozzolo del baco)
gaýna (gallina)
gai˛t (citrullo)
ganz (gancio)
gażýa o gadýa (acacia)
garÓtoeo (piccolo solco fatto a V con la pala per far scolare lĺacqua dai campi; cĺera anche nelle stalle e serviva per far scolare le urine del bestiame. Per estensione e metaforicamente anche il solco tra le natiche: ghe se vede el garÓtoeo)
garbýn (libeccio)
garganŔe (vene del collo)
gargÓt (gola)
gar˛foeo (garofano)
gaso (cucitura)
gatagnÓo (carponi)
gÚmo (gomitolo)
genÓro (gennaio)
gi(r)landa (ghirlanda)
gnagna (nenia)
gnÚnt (niente)
gn˛ca (botta)
gn˛ra (nuora)
gombýna (vedi culiera)
gomitÓr (vomitare)
g˛so (gozzo)
g˛t (bicchiere)
grÓmoea (mascella, dentatura)
gran (grano)
grandi˛l (cruschello)
granŔr (granaio)
grapari˛ea (qualitÓ di uva bianca)
grasa (letame)
grava (golena)
grÚsp (rugoso)
grÚspa (ruga)
grýpia (greppia)
grisi˛ea (graticcio)
grýsoeo (brivido ĺVer i grýsoeoni)
grˇnda (grondaia)
grˇp (nodo)
guaývo (liscio, uniforme)

H

I
iachÚta (giacca)
IÓcomo (Giacomo)
iÓz (ghiaccio)
iazŔra (ghiacciaia)
iŔra (ghiaia)
iŔvaro (lepre)
imagonÓr (stomacare, nauseare)
imŔga (lumaca)
'im˛sina (elemosina)
inac˛rzerse (accorgersi)
inbotonar (abbottonare)
inbriÓgo (ubriaco)
inbugarse (abbuffarsi)
incalcarse (slogarsi)
incalmar (innestare. Incalmo Ŕ lĺinnesto)
incoconÓr (rimpinzare)
ingaeÓr (accalorare)
ingambararse (inciampare)
ingatiÓr (aggrovigliare)
ingropÓr (annodare, aggrovigliare)
ingrumÓr (ammassare, accumulare)
inmatonýo (intontito)
inmusonýo (cupo)
inpaltanarse (sporcarsi di fango, impillaccherarsi)
inpenýo (pieno, riempito)
inpestÓ (appestato)
inpignÓrse (impigliarsi)
inpirÓr (infilare, infilzare)
inpýria (imbuto)
inpinzar (accendere)
inp˛da(r) (avere colpa: gh'inposse mi?)
inrabiarse (arrabbiarsi)
insemený˛ (rincretinito, invaghito)
insorýo (annoiato, indispettito, di malumore)
intimŔa (federa del cuscino)
intivÓr (indovinare, azzeccare)
intrigÓr (essere dĺimpiccio)
invenze/inveze (invece)
inzÚnda (aver superato la maturazione, apprestarsi a marcire, detto della frutta, in particolare del melone)
inzinganÓr (ingannare subdolamente)
ioz (goccio)
issýa/lissia (lisciva, acqua bollente con cenere che serviva per lavare la biancheria)
istÓ (estate)
istess (lo stesso)

L
lampˇr/lampˇl (dove si andava a lavare la roba)
larýn (focolare)
latari˛l (lattaio)
lugÓnega (salsiccia, che nellĺAntica Roma veniva dalla terra lucanica)
luni (lunedý)
luz (luccio)

M
macad¨ra (ammaccatura)
macÓr (ammaccare)
mÓcia (macchia)
madasa (matassa)
mÓdia (contenitore in legno per il pane)
mad˛na (suocera)
maeatÓ (malaticcio)
maio (maggio)
mal caduto (epilessia)
mal dea n˛na (malattia del sonno)
maltŔca (impiastro, poltiglia in genere)
mÓnega (manica)
manŔra (mannaia, scure)
mÓntega (maniglia, in particolare delle borse)
maramÓcoea (coda di persone che andava alla fiera di San DonÓ. StÓ ĺtento che riva ĺa maramacoea!= lo dicevano gli adulti per far star buoni i bambini)
marÓntega (donna di mezza etÓ chiaccherona e pettegola)
maro (mucchio)
marti (martedý)
martorŔl (sciocco)
masanÚta (femmina del granchio)
massa (troppo)
mastŔa (secchio)
mazŔo (mattatoio)
maz˛ca (testone, sia retto dal verbo avere - aver na maz˛ca - che dal verbo essere)
mÚio (miglio)
menÓĺa/menÓda (tiritŔra, solfa)
menar par lengua (sparlare, criticare)
mŔrcore (mercoledý)
miŔr (migliaio)
mign˛gnoe (moine, carezze)
missiŔr (suocero)
missi˛t (miscuglio)
mistiŔri (faccende domestiche)
mistrÓ (anice)
moÚna (mollica del pane)
eo (molle, molo)
m˛jo (umido. A m˛jo = a mollo)
molton (privo di buone maniere. Mal del molton = parotýte. Per estensione: pigrizia)
momenti (nella locuzione (a) momenti = per poco)
mona (sciocco, stupido. Genitale femminile)
montar su (salire)
morbýn (allegria, irrequietezza adolescenziale)
morŔr (gelso)
moroso/a (fidanzato/a)
morsegÓr (mordere)
morsegon (morso)
moscat/moscati (zanzara/e)
mostaci (baffi)
moto (cenno)
m¨ci (nella locuzione far muci = tacere)
m¨cio (mucchio)
mugoeÓr (muggire)
mujer (sposa)
m¨nega (monaca, suora)
musÚt (cotechino)
musigna (salvadanaio)
mussat (zanzara, vedi anche moscat)
Mustic (viso in espressioni dispregiative, ad esempio mustic da papine = da sberle, un mustic duro = accigliato)
m¨tara (montagnola di terra)
muzin (caccola)

N
NadÓl (Natale)
nane (Giovanni. Per estensione: inetto, sciocco)
napa (cappa del camino. Metaforicamente: naso)
naranza (arancia)
nasÓr (fiutare, annusare)
nŔssa (piccolo, riferito alla statura dei bambini)
nŔt (pulito)
nevˇdo/a (nipote)
ni˛ra (nuora)
nisÓ (usato per la prima volta)
nissi˛go (in nessun luogo)
nizi˛l/nizi˛i (lenzuolo/a)
novýza/novizo (sposa novella/sposo novello)
n˛toeo (pippistrello)

O
onfegÓ (legermente sporco, unto di organico)
ongia (unghia)

P
padŔe (scapole)
pÓjoeana (puerpera, donna che ha partorito da poco, e che perci˛ veniva fatta dormire sul pajon de lana))
pan˛cia (pannocchia)
pap¨ze/pap¨θe (babbucce)
passada (accesso a campi o case)
passada (2) (Passada de cusidure, rimprovero ai limiti del manesco)
passýn (colino)
pastran/pastrana (cappotto)
pata (pari, nella locuzione far pata = pareggiare)
pavÚro (stoppino. No te par vero... che ĺa gata ha magnÓ el pavero)
peÓgra (pellagra, malattia di chi si nutriva solo di polenta, in una dieta priva di vitamina PP)
peagroso (lett. affetto da pellagra, per traslato persona poco munifica)
pe˛ci (pidocchi, cozze)
pŔr (paio. Un pŔr de braghe)
pÚssa (muco del naso)
pÚta (colpa. dar ĺa pÚta = incolpare)
pŔtoea (si dice di persona fastidiosa, appicicaticcia)
pinpinŔa (vino rosŔ fatto con acqua e le bucce dellĺuva dopo la pigiatura, che vale poco;per traslato: persona da poco)
pinpinot (mammalucco, pagliaccio. Far ĺa figura del pinpinot)
pi˛ea (forfora. Ver i cavei pieni de pjoea = Avere i capelli pieni di forfora)
piovan (pievano, parroco)
piron (forchetta)
pissacan (spiovente)
piss˛ca (pennichella pomeridiana)
pissocar/pisocar(fare la pennichella. Situ drio pisocar?)
piter (vaso di terracotta)
piton, pitona (tacchino. Vedi anche "Dindio")
pitona (2) (sbornia, spossatezza)
pit¨s (pulcino)
p˛cio (fango)
pomaro (venditore ambulante di frutta e verdura)
ponpÓr (irrorare le viti o le piante in generale)
porzŔl (maiale)
potÓcio (pasticcio, schifezza))
punŔr (pollaio)
p¨poe (polpacci. Me diol ĺe p¨poe = Mi fanno male i polpacci)

Q

quartier (recipiente in latta che conteneva o farina o veniva usato come unitÓ di misura per l'obolo da versare a sostegno della chiesa)

R
rÓcoea, racoÚta (rana, raganella)
reb˛t (tacco)
repýze (ricetta del medico. Dal latino recipe)
re˛jo (orologio)
restŔl (rasrello)
rumÓr (rovistare in maniera confusa alla ricerca di qualcosa che non si trova. rumar inteĺi cassetti o anche nel terreno alla ricerca di patate. Deriva da rumoeÓr. Vedi "rumoea"=talpa)
r¨moea (talpa. RumoeÓr Ŕ lĺazione della talpa)

S
saeata (insalata)
sangi¨t (singhiozzo)
sÓntoeo/a (padrino/madrina)
sbatoeon/a (Uno che chiacchera un poĺ troppo a sproposito)
sbeÚto (rossetto)
sbris (ghiaccio sulla strada)
sbrisar (scivolare)
scagnidar (il lamentarsi del cane se bastonato o se sta male)
scanzýa (mensola, scaffale)
scapÓ (sbreccato)
scapuzarse (inciampare)
scart˛zi (il fogliame che ricopre la pannocchia, che veniva usato per fare i materassi)
scaveÓgna (zazzera, capelli lunghi)
scaveˇn (capellone)
s-cŔt (schietto)
schŔi (il denaro, da scheidmuntze, sulle monete del Lombardo-Veneto)
schincÓr el penin (mettere fuori uso il pennino della penna a inchiostro)
schinzar (schiacciare)
s-ciona (schiona o anello, ubriacatura)
s-cioso (lumaca)
s-ciopadure (screpolature, delle mani o dei piedi)
scoaze (immondizie, scopacce)
sc˛rza (buccia)
sc˛rzi (i padiglioni auricolari, gli orecchi)
sc¨fia (cuffia, ma anche sventola)
sculiŔr (cucchiaio)
seciŔr (secchiaio, solitamente quello in pietra della cucina; per traslato lavabo)
selghŔr (salice)
sgaetÓr (pulire i bozzoli dei bachi da seta)
sgambýtoi/sgamb¨toi (gambe, specie se magre)
sgarbini/sgarbiýni = cispe. Co i sgarbiýni su i oci = con gli occhi cisposi.
sisýa (rondine)
sýta (pala)
sitˇn (badile)
solzari˛l (piccolo aratro a mano)
somejÓnza (fotografia, somiglianza)
s˛zui (il grasso del maiale cotto)
spiza (prurito)
sporzeˇn/ĺndar de sporzeˇn (passare di luogo in luogo: espressione probabilmente derivante dalla consuetudine di allevare il maiale della chiesa parrocchiale che passava di casa in casa prima di essere venduto per "la giornata delle anime")
stýcar (sostenere le proprie posizioni/idee con forza e cocciutaggine a volte anche contro l'evidenza)
strapazˇn (persona disordinata che rasenta lĺincuria)
straza (straccio)
str˛pa (ramoscello di salice rosso grosso che serviva per legare "ĺe fassýne")
stropÓr (tappare)
str˛poeo (tappo)
strucÓr (spremere)
susta (molla. Un sust/na susta si dice di persona pesante, insopportabile)
sveĺandrýna (soprabito leggero come un velo)

T
tamýso (setaccio)
tÚcia (tegame, pentola bassa)
tedˇn (tettoia per il fieno)
tieda o tiesa (tettoia per il fieno)
ea (tavola)
t˛rcio (torchio)
tosÓt (ragazzo)
tosatŔl (bambino)
traĺ/trao (nella locuzione Dar traĺ = dare ascolto)
trÓpoe (trappola. Cosa da poco)
trasporto (nelle case coloniche era lĺambiente tra la cucina e il bagno, col lavandino e gli atrezzi)
traversa/travessa, traversˇn/travesˇn (grembiule)
trodo (sentierino nel seminato)

U
ugÓnega (vedi anche luganega=salsiccia)
ugar (affilare)

V
vantÓr (agguantare)
vantiŔra (vassoio)
ĺvarnÓr (governare il bestiame. Vatu ĺvarnÓr ĺe bestie?)
varsˇr (vassoio)

Z (la z dolce, sonora, in inizio di parola Ŕ indicata col simbolo ż)

zacoe˛n (si dice di persona sporca e trasandata)
zanco/zanc (mancino, sinistro. Aver lĺocio zanc = aver la palpebra cadente a seguito di notte insonne o di bevute abbondanti)
zarpe (bucce dellĺuva dopo la pigiatura)
zarpýr (potare i tralci della vite lasciando i pi¨ forti e adatti alla produzione di uva. Vedi anche "bruscar")
zavat˛n (ciabattone. Si dice di persona che trascina le ciabatte, trasandata)
zÚgoea (cipolla)
żenocio o denocio (ginocchio)
żermÓn (primo cugino)
zýgoeo (dente del rastrello di legno. Cuneo)
zimento (cimento. Tirar a zimenti: provocare)
żi˛ba (giovedý)
zˇca (Ciocco di legno, ma anche la radice di una pianta. Figurativamente sta ad indicare persona dura di comprendonio, ottusa: Te si ĺna zˇca, non capisci niente)
z˛cui (zoccoli)
zˇpa (grossa zolla di terra)
zuc˛l (zucchina)