Poesie su Crose



CROSE
Se  no scopia na guera
tra russi e mericani
Gesù Bambin
cossa sarà Crose tra diese ani !
Mi la vede cussì:
sora questo e quel casel
un cavalcavia alto
de cemento armato
ma no co ‘na corsia
ma andata e ritorno Signor
e intorno case casamenti
stabiimenti
‘Na ciesa un fià pì nova
parché questa  l’é rosegada daea piova
Scuole e asìo funzionanti
tanti tanti operai che lavora
Chissà che vegna sta bona ora !
Dame ’na casa Signor
ma granda, co do orti par banda
Benedissi me zia 
a xe come a mama mia.


FIL DE FERO
A noialtri no ne par vero 
de aver na strada
ciamada fil de fero
sfaltada e rancurada.
Strada interrotta 
gera scritto
e i la ga rotta
par farla bea nera 
lissa.
A par na strada novissa
completa larga neta.
A par na strada cittadina
a ghe someia
ala Triestina.
Basta sghinzae 
sporcae infangae.
D’istà suta e co l’ombria
d’inverno neta
co l’aqua che tuto scoa via.
Dise a storia
che par Crose passava
la strada Aquileia Altin 
Gesù Bambin.
Ma sta strada asfaltada
e netada
a fa onor al’Aministrazion
che a fa sparagnar ae mame
aqua e saon.
Grazie dunque ae autorità
e scusa Gesù 
se go un  fià scherzà.


CARI SCOEARI MII
El tempo che passa
spegazza oci denti
cavei lineamenti
spaca machine case
strade monumenti
ma quel che s’à costruio
co amor e bontà
dura finché s’à fià
e el va anca p’in là

Cari scoeari mii,
ogni tant ve incontre
a Crose Musil Sandonà:
mi verso a quarta età
voialtri mame papà
bei soridenti, contenti
in piena gioventù
co i fioi da tirar su
ellavoro da mandar vanti
e in cuor sogni
tanti tanti

’Na casa ’na piaza
pol tegner quee date persone,
el cuor
parché senza fondo
tien dentro el mondo.
Voialtri sé a fameja mia
che co l’aiuto de Dio
ò costruio qua dentro
dove sta el sentimento.

Co vae via
ste sicuri
saren ancora in compagnia.




EL M’À FAT TREMAR EL CUOR
Con un trafico da far tremar
cuor pie e figà
stamatina 
a un stop
me passa davanti un trator
ch’el tira un rimorchio
de ùa nera.
Vedar a ùa
e pensar a Crose
l'è sta tut’uno.
Varde ben.
Sì, l’autista l’é Teto Toresan
che a l’inproviso me vede
e co un gran soriso
me saeuda co’ na man.
Alora ò vist Crose:
vide case orti mame
tosati orteséi putéi
e ò sentìo
che i schéi de sto mondo
no i me varìa
fat tremar nel profondo
come sto paesan
che me saeuda soridendo
e co’ na man.
Grazie, zente mia,
che te me carica de poesia.


CARI MORTI
Franco Serafino
Maria Federico Nino
cari putei che vé ralegrà
mama e papà
par pochi mesi o pochi ani,
massa presto a morte v’à portà via
te ’na casseta bianca
e fiori bianchi in zima.

El tenpo che passa
no strazza no a vostra memoria
parché ve saven tuti col Signor
e in gloria.

Francesco Stefano Susana
Marieto…
scoeari cari, sani inteijenti
e senpre soridenti,
a morte v’à colpìo sienziosa
come un sass
che spaca de colpo ’na rosa.

El tenpo che passa
no strazza no a vostra memoria
parché ve saven tuti col Signor
e in gloria.

Michele Adelino Carlo
Carla Paolo…
cari morti nel fior dei ani
co tanti sogni in testa.
A vita vostra jera tuta ’na festa
studiar laorar cantar ziogar.
Pó un colpo un zigo straziante
tante ’àgreme
e un patir che no pol finir.

El tenpo che passa
no strazza no a vostra memoria
parché ve saven tuti col Signor
e in gloria.

Giorgio Bepina Orazio
Giani Rita Gimi...
Portai via in piena giovineza.
Nee nostre case
nee strade del paese
nel posto de lavoro
resta tristeza
e un vòdo longo e pauroso.

El tenpo che passa
no strazza no a vostra memoria
parché ve saven tuti col Signor
e in gloria.

Clara Adriana Manuela Dino
Mario Luigi Angeo Gèma
Romana Terenzio Antonieta
Ortensio Flavio Tilio Noemi…
mame e papà
co giorni pieni de patèmi
fadiga e lavoro
e col cuor consumà
a forza de voer ben e de pensar,
mame e papà portai via
ai grandi afèti
dea sposa e dei fioéti,
quanta mainconia!

El tenpo che passa
no strazza no a vostra memoria
parché ve saven tuti col Signor
e in gloria.

Elvira Chechi Tita Ugo
Joani Nella Achile Melia
Mariana Toni Piero Rosa Bepi…
noni boni none bone
coi oci strachi e i cavéi bianchi.
A morte v’à portà via
intant che disevi l’ultima Avemaria
Noni cari noni sapienti
del pochetin senpre contenti
dopo ver governà nee nostre case
riposeve adess in santa pase.

El tenpo che passa
no strazza no a vostra memoria
parché ve saven tuti col Signor
e in gloria.

Requiem Aeternam!

Co nojaltri prega anca Don Nadal 
e Don Ferucio.

Cari morti
riposé in santa pase.
El vostro amor ’l é ancora caldo
qua
nee nostre case!

Torna alla pagina iniziale di LISA