Torna alla pagina iniziale di LISA

La ballata di Girifalco
scritta in memoria dell’amico EUROPEO MONTAGNER
n. 11.10.1896 m. 6.11.1944

Mi cante co amor
sta vecia storia
parché a reste fissa nea memoria
dei paesani
storia de tanti ani fa
quando su sta me tera
tutti vestia a camisa nera.
Io canto con amore
questa vecchia storia
perché s’infissi nella memoria
dei paesani
storia di tanti anni fa
quando su questa mia terra
tutti indossavano la camicia nera.
  
Cussì senza rancor né cativeria
sta storia de doeori e de miseria
a cante mi
co gran riconossenza
par chi 
nei ani dea paura
à soportà l’oror dea ditatura.
  
Così senza rancore né cattiveria
questa storia di dolori e di miseria
canto io
con grande riconoscenza
per chi
negli anni della paura
sopportò l’orrore della dittatura.
  
A zente massa spesso
anca adesso dise:
“Al tempo del fasismo
no jera sto tepismo
e dentro ae nostre case
se godea a pase”.     
  
La gente troppo spesso
anche adesso dice:
“Al tempo del fascismo
non c’era questo teppismo
e dentro le nostre case
si godeva la pace”.   
  
No
no ’l é gnente vero.
Tolta a libertà
no se podea parlar
in strada in piaza in ostaria
se no
i ne portéa via.
Silenzio jera.
e silenzio de morte.
I fasisti che i stea co’l pi forte
anca se bassi de statura
i jera mostri adiritura!
Paura a jera e tanta
paura dea gaera
de tutto
paura che rendea l’omo
muto.
E quando tutti tase
no ’l è giusto dir
che se vive in santa pase. 
  
No 
Non è niente vero.
Tolta la libertà
non si poteva parlare
in istrada, in piazza, in osteria
altrimenti
ci portavano via.
Era silenzio
e silenzio di morte.
I fascisti che stavano col più forte
anche se bassi di statura
erano mostri addirittura!
Era la paura e tanta,
paura della galera
di tutto,
paura che rendeva lepersone
mute.
E quando tutti tacciono 
non è giusto dire
che si vive in santa pace.   
  
I fasisti va su
e lu, Rupeo Montagner
el s’à vestio de nero
in luto
ma no ’l é sta
par gnente muto.
Lavorando e studiando
’l avea capio
che a vita
jera ’na cadena infinita
de doeori
par a zente sfrutada
pestada
e sempre da lori
i siori
i pochi
i forti
che comandava
ancora
da un trono de morti.     
  
I fascisti vanno al potere
e lui, Europeo Montagner
si vestì di nero,
a lutto
ma non rimase
affatto muto. 
Lavorando e studiando
aveva capito
che la vita
era una catena infinita
di dolori
per la gente sfruttata,
calpestata
sempre da loro 
i ricchi,
i pochi
i forti 
che comandavano
ancora
da un trono di morti.   
  

  
Mi lo ricorde cussi:
testa alta
oci ciari
bajoina in man
bel portamento.     
  
Io lo ricordo così:
testa alta,
occhi chiari, 
bagolina in mano,
bel portamento.   

La bagolina è il bastone da passeggio
  
Un omo
potente
sol de l’onestà inteigente
drita
come l’è stada
tutta a so vita.     
  
Un uomo
potente
solo di onestà intelligente
dritta
come fu
tutta la sua vita.    
  
O verità, 
dime
parché se sta senpre
daea parte
de chi tant à?     
  
O verità,
dimmi
perché si sta sempre
dalla parte 
di chi tanto ha?   
  
Giustizia, dime
parché a to baeanza
pende senpre
dove se vive in abondanza?     
  
Giustizia, dimmi
perché la tua bilancia
pende sempre (dalla parte)
dove già si vive nella abbondanza?   
  
E ti onestà,
chi è che te orba i oci
e che te piega i zenoci?
Ancora lori
i schei dei siori
sti  schei maedeti
che come cortei
i taja i spaca
le speranze dei poareti.     
  
E tu onestà,
chi è che ti chiude gli occhi
e che ti piega le ginocchia?
Ancora loro:
i soldi dei ricchi,
questi soldi maledetti
che come coltelli
tagliano, spaccano
le speranze dei poveretti.   
  
Questo, Sior Rupeo lo sa.
Par questo quando a vita
l’à ciamà
’l a dit son qua.     
  
Questo, Europeo lo sa.
Per questo quando la vita
lo chiamò
disse: sono qua   
  
Al tempo dea me storia
i canpi de Musil
i andea daea Piave
al Sil
do fiumi stranbi mati
che co i saltea fora
mandea tuto in maeora.     
  
Al tempo della mia storia
i campi di Musile
andavano dal Piave
al Sile
due fiumi strani, matti
che quando straripavano
mandavano tutto in malora.   
  
Da Lazareto in su
verso a Fosseta
e fin al Sil
jera paeù.
Aqua grisa tuta precisa
co bisse rane
cane canèe
e sora, come regina,
tanta selvagina.
Tera da casoni
da strame
tera da fame.     
  
Da Lazzareto in su
verso la Fossetta 
e fino al Sile
era palude.
Acqua grigia tutta eguale
con biscie, rane 
canne e cannelle
e sopra, come una regina,
tanta selvaggina.
Terra  buona per “casoni” 
per strame 
terra da fame.    
  
Nel vintitrè
l'aqua del paeù pian pian
a è sparia
portada via
da pompe e machinari.     
  
Nel ventitré  (1923)
l’acqua della palude piano piano
sparì
portata via
da pompe e idrovore.   
  
I nostri operai
serai tra fossi e canai
i s’à rot i ossi
a schena e man
quasi i dovesse
zercar l’oro nel paltan.
E l’oro jera là
nea  tera
nera farinosa
fresca come el viso de ’na sposa.     
  
I nostri operai
chiusi tra fossi e canali 
si ruppero le ossa
la schiena, le mani
quasi dovessero
cercare l’oro nel pantano.
E l’oro era là
nella terra
nera, farinosa
fresca come il viso di una sposa.  
  
Man man che passea e stajon
a savea parfin da bon.
Tera salvada
ciamada bonifica
parché bona
fata de cane de strame
de erbe mate
de pessi de rane de osei.
Tera che adesso
vaéa tanti schei.     
  
Man mano che passavano le stagioni 
emanava perfino profumo. 
Terra salvata
chiamata bonifica
perché buona
fatta di canne e di strame
di erbe selvatiche
di pesci, di rane, di uccelli
Terra che a quel punto
valeva tanti soldi.   
  
E Sicher l’à conprada
sta tera bonificada
A costea se sa
fadiga lavoro
ma a jera ’na miniera
de òro
par ti, paron
par ti, contadin
parchè a déa
vin
zuche zucòi
cane fasiòi fen
fassine pai
e tanta spagna da tegner
zento gaine e zento gai.     
  
E Sicher la comprò 
quella terra bonificata
Costava, si sa,
fatica e lavoro
ma era una miniera
d’oro
per te, padrone
per te, contadino
perché dava
vino
zucche e zucchine 
canne, fagioli, fieno
fascine, pali 
e tanta erba medica da mantenere
cento galline e cento galli.   
  
Ma presto, massa presto,
l’inpero de Sicher
vien distruto
parchè
i ghe magna tuto
senpre quèe man ingorde
lorde
bone sol de robar
e mai de lavorar.     
  
Ma presto, troppo presto, 
l’impero della famiglia Sicher 
viene distrutto
perché
gli “mangiano” tutto
sempre quelle mani ingorde
lorde
capaci solo di rubare 
e mai di lavorare.   
  
Alora i usurai
che in tuti i tenpi
i é senpre stai
i ghe salta sora 
sta tera.
Comandea ancora
a camisa nera.
I dise:
“Daremo la terra a voi contadini.
Anche se non avete i quattrini
la pagherete a rate.
Firmate qua.
Con il Banco di Torino
porterete a casa
frumento e vino”.
E cussì l’è stà.
No ghe jera fameja
a Crose e a Musil
che no avesse cronpà
un fià de tera
tra a Piave e el Sil.
Tera  cronpada
co tanto de canbiai firmae
firme strete sbigoeone
ma firme oneste
firme bone.
A tera cronpada
parea parfin canbiada
pi longa pi bea.
Dise el contadin:
“Da quel fosso a qua
l’è mia la proprietà
mia sta tera bona
a è ea
a me parona.
’Na parona
geosa puntiliosa
che a me vol
ogni giorno qua
par tocarla col badil
el zolcariol
e voltarla da soto in su.
Altro che tera de paeù!     
  
Allora gli usurai 
che in tutti i tempi
ci sono sempre stati
saltano addosso 
a questa terra.
Comandava ancora 
la “camicia nera”.
Dicono:
“Daremo la terra a voi contadini.
Anche se non avete i quattrini
la pagherete a rate.
Firmate qua.
Con il Banco di Torino
porterete a casa
frumento e vino.
Così è stato.
Non c’era famiglia 
a Croce e a Musile
che non avesse comprato
un po’ di terra
tra il Piave e il Sile.
Terra comprata
con tanto di cambiali firmate
firme piccole scarabocchiate
ma firme oneste
firme  buone (solvibili).
La terra comperata
sembrava perfino cambiata
più lunga, più bella.
Dice il contadino:
“Da quel fosso fino a qua
è mia questa proprietà
mia questa terra buona
è lei
la mia padrona.
Una padrona
gelosa e puntigliosa
che mi vuole
qua ogni giorno
per toccarla con il badile
con l’assolcatore
e voltarla sottosopra.
Altro che terra di palude!   
  
O sta me tera!
Apena arada
a par piturada
e chi la pitura
qua bianca e là scura
’l è sto sol
che la ciapa a brazzacol
e la missia la gira
e la remena
come un putel
che de ziogar ’l è senpre in vena!
Che dormie d’istà
su sta tera mojsina
vizin aea me Catina!
Drento a casona sta
el caret le inpreste a sportéa
a zuca de vin
’na scudea
e sul cavin el musset
covert de tafani e de mosconi
ch’el se sburata
e ch’el fa rabaltoni.
Na formiga
co fadiga
la me va sul col
po la va zo nea schena.
A Catina se remena.
I sitoni i moscati
i va i vien come mati
portandone drento
l’odor del fen.
Sora l’aqua  dea scojna
e foie tonde come piantaforme
ciama te i fiori a scudeéta
àve e vesponi.
Salta sui zoponi a cavaeta,
core i osei.     
  
Oh questa mia terra!
Appena arata
sembra pitturata
e chi la pittura
qua bianca e là scura
è questo sole
che la prende sottobraccio
e la muove e la gira
e la rigira
come  un bambino
che di giocare è sempre in vena!
Che dormite d’estate
su questa terra morbida
vicino alla mia Caterina!
Dentro alla grande casa sta 
il carretto, gli attrezzi, la sporta
la zucca da vino
una scodella
e lungo il sentierino l’asinello
coperto di tafani e di mosconi
che si buratta 
e che fa capriole.
Una formica
con fatica
mi va sul collo
poi va giù sulla schiena.
Caterina si rigira.
Le libellule, le zanzare
vanno e vengono come matte
portandoci in casa
l’odore del fieno.
Sopra l’acqua della scolina
le foglie tonde come piattaforme
chiamano nei fiori a forma di scodelletta
api e vespe.
Salta sulle zolle la cavalletta.
Corrono gli uccelli.   
  
No se sente zigar putei.
Dio, grazie!
Co son te sta tera benedeta
me par de essar
parfin poeta.     
  
Non si sentono gridare bambini.
Dio, grazie!
Quando sono su questa terra benedetta
mi pare di essereperfino poeta.   
  
Come quando
dal ciel 
a l’inproviso
vien zo ’na saeta
seca
e a sbianca tutti in viso
cussì
quea matina de majo
i contadini
s’à sentio mancar
forza e corajo.	
	- Ma che sia proprio vero?	
	- Altro!	
	  I à magnà i milioni	
	  quei mascalzoni!	 
	- Vutu che sia vero?	
	- Varda qua	
	  a carta che i m’à mandà!	
	- Ma mi n’ò gnanca un franco!	
	- Sì sì; el Banco de Torin	
	  el varda proprio	
	  ti mi …!	
	  Noialtri s’à firmà	
	  e noialtri bisogna pagar.	
	- Ma ... ...	
	- Che ma! ... 
	  l’è questa  a verità!
Pa’ giorni e giorni
nee case in piazza in ostaria
tutti parlea de sta gran magnaria.
Difesi daea camisa nera
i siori
ne avéa magnà a tera.     
  
Come quando
dal cielo
all’improvviso
viene giù una saetta
secca
e sbianca tutti in viso
così
quella mattina di maggio 
i contadini
si sono sentiti mancare
la forza ed il coraggio.	
	- Ma che sia proprio vero?	
	- Altro che!	
	  Hanno mangiato i milioni	
	  quei mascalzoni!	
	- Vuoi che sia vero? 	
	- Guarda qua	
	  la carta che mi hanno mandato!	
	- Ma io non ho neppure una lira!	
	- Sì, sì; il Banco di Torino	
	  guarda proprio	
	  te, me …!	
	  Noi abbiamo firmato	
	  e noi dobbiamo pagare.	
	- Ma ... ...	
	- Che  ma !   
	  questa è la verità!
Per giorni e giorni
nelle case, in piazza, in osteria
tutti parlavano di questa grande truffa.
Difesi dalla “camicia nera”
i ricchi
ci avevano “mangiato” la terra.   
  
Mi li ò visti sti contadini
co forche e falzini
e bastoni
zigar  al podestà:	
	- chi n’à magna       
	  i milioni?
E lu, el potente:	
	- Tornate al lavoro buona gente.
E lori in coro:	
	- Fora sti lazzaroni	
	  che i à magna i nostri milioni!     
  
Io li ho visti questi contadini
con forche e falci
e bastoni
gridare al podestà	
	- chi ci ha mangiato 	
	  i milioni?
E lui, il potente:	
	- Tornate al lavoro buona gente.
E loro in coro:	
	- Fuori questi lazzaroni	
	  che hanno mangiato i nostri milioni!   
Il podestà allora era Giuseppe Bimbi.
  
Ma quando
QUANDO
quando i poareti
senza cultura
co la paura senpre de sbaliar
de no saver parlar
i gà contà qualcossa?
Quando i a vu rason
lori
davanti ai siori?
Quando i sa unìo
insieme
in tanti
tanti
tuti quanti
alora i è andai un fià avanti.     
  
Ma quando
QUANDO
quando i poveracci
senza cultura
sempre con la paura di sbagliare
di non saper parlare
hanno contato qualcosa?
Quando hanno avuto ragione 
loro
davanti ai ricchi?
Quando si sono uniti
insieme
in tanti
tanti
tutti 
quanti allora sono andati un poco avanti.   
  
Ma quea volta
soto a ditatura
a vita jera dura, dura.
Sie e jera e canaje
contro domie de sti poareti
che i magnea scorzeti
poenta e fasioi
nea miseria
e co tanti fioi.
Se un parlea de onestà
vegnea ciapà.     
  
Ma quella volta
sotto la dittatura
a vita era dura, dura.
Sei erano le canaglie
contro duemila poveretti
che mangiavano scorzetti
polenta e fagioli
nella miseria 
e con tanti figlioli.
Se uno avesse parlato di onestà
òavrebbero preso.   
  
E cussi ’l è stà.     
  
E così è stato.   
 
Rupeo Montagner
inpiegato del Comun
lu che no ’l avea paura de nissun
’l à ciapà a crose
de sta zente senza vose.
“Mi ò nomi e cognomi
dei lazzaroni
persone studiae stimae
in paese e fora
no so se e podarà
tirarse fora 
da sto inbrojo.
Tentarò
so però
che le é protete dal fasio litorio.
Cussi el s’à messo davanti 
de tuti quanti:	
	- Bisogna rifar e carte	
	  lotar	
	  e andar avanti!     
 
Europeo Montagner
impiegato del Comune
lui che non aveva paura de nessuno,
prese la croce 
di questa gente senza voce.
“Io ho nomi e cognomi
dei lazzaroni
persone che hanno studiato, stimate
in paese e fuori
non so se riusciremo
a cavrci fuori
da questo imbroglio.
Tenterò
so, però
che sono protette dal Fascio Littorio.
Così si mise davanti
a tutti quanti:	
	- Bisogna rifare le carte	
	  lottare	
	  e andare avanti!
  
Alora i furfanti
come leoni
tira fora i denti
e i ongioni.     
  
Allora i furfanti
come leoni
tirano fuori i denti
e gli artigli.   
  
De sera
a l’ostaria dei Bortoeoto
uno che savea de sto conploto
dopo a partia dise:
“Rupeo, va via, va a casa:
se nasse un garanghéo
un colpo po’l scanpar
e andar,
varda fataità,
proprio su ti, Rupeo.
Va via da sta ostaria”.     
  
Di sera
all’osteria di Bortolotto,
uno che sapeva di questo complotto,
finita la partita  dice:
“Europeo, va via, vai a casa:
se sorge una discussione
può partire un colpo
e andare a colpire,
guarda che fatalità,
proprio te, Europeo.
Va via da questa osteria”.   
L’osteria di Bortolotto era quella in centro a Musile
  
E lu el va via
chissà
co quanta mainconia!
’Na note 
do i lo speta
nea stradeeta
co’l mitra in man.
Rupeo li vede.	
	- Tosati, che fredo can,	
	  vegné drento	
	  beven ’na butiliéta.     
  
E lui va via
chissà
con quanta malinconia!
Una notte
due lo aspettano
nella stradina
con il mitra in mano.
Europeo li vede. 	
	- Ragazzi, che freddo cane,	
	  venite dentro	
	  beviamo una bottiglietta (di vino).   
  
I è scanpai
come na saeta.
Ormai i lo vea ciapà de mira.
Ma Rupeo no se ritira.
A lota jera a visavì
tra poareti ma gaeantonimi
e furfanti 
co potenti cognomi.
Rupeo fa carte,
quante carte!
El zercio se strenze
ma Rupeo no se rende.
A sposa distruta dal doeor
a vive nel teror
e co e so tre putée
bianche come stee de genaro
sente el peso
de sto tenpo amaro.     
  
Fuggirono
come un fulmine.
Ormai l’avevano preso di mira.
Ma Europeo non si ritira.
La lotta era vis a vis 
tra poveri ma galantuomini
e furfanti
con potenti cognomi.
Europeo fa carte,
quante carte!
Il cerchio si stringe
ma Europeo non si arrende.
La sposa distrutta dal dolore
vive nel terrore
e con le sue tre bambine
bianche come stelle di gennaio
sente il peso
di questo tempo amaro.   
  
’Na sera de otobre verso e sie
el jera co’ a so sposa e co’ e so fie:
do carabinieri
i riva adiritura 
col mandato de catura.	
	- Ciao, Gusta mia, ciao putee,	
	  vae via	
	  ma no tanto lontan.
E dopo parché no’ e lo sentisse
el dise pian:	
	- Manete in casa mia no	
	  mai	
	  manete fora	
	  fora.
E ’l è spario nea note nera
come drento ’na bufera.
Dopo un fià el s’à voltà indrio:	
	- Dio mio,	
	  pa’ sta zente	
	  no posse far gnente:	
	  ma Ti, anca se son lontan,	
	  fa	
	  che no ghe manche	
	  mai	
	  un toc de pan.     
  
Una sera di ottobre  verso le sei 
lui era con la sposa e con le sue figlie:
due carabinieri
arrivano addirittura 
con il mandato di cattura	
	- Ciao, Augusta mia, ciao bambine,
 	  vado via	
	  ma non tanto lontano.
E dopo, perché non lo sentissero,
dice piano:	
	- Manette in casa mia, no	
	  mai	
	  manette fuori 	
	  fuori.
E sparì nella notte nera
come dentro ad una bufera.
Dopo un poco si voltò indietro:	
	- Dio mio,	
	  per questa gente	
	  non posso fare niente:	
	  ma Tu, anche se io sono lontano,
	  fa	
	  che non manchi loro 	
	  mai	
	  un pezzo di pane.   
  
     
  
				GIRIFALCO  di Catanzaro
				paese amaro
				tra montagne sassose
				quante cose tu sai!
				Il falco gira
				la preda è là
				sicura
				ma un uomo disarmato e solo
				non fa paura.     
  
Da Girifalco
riva lettere
co tante paroe
spegazzae dae lagreme
che Rupeo fa.
Da Musil 
parte letere
co tante paroe
spegazzae dae lagreme
che qua se fa.     
  
Da Girifalco arrivano lettere
con tante parole
cancellate dalle lacrime
che Europeo lascia cadere.
Da Musile
partono lettere
con tante parole
cancellate  dalle lacrime
che si versano qui.   
  
Dise un proverbio antico:	
	“Vose de popolo 	
	 vose de Dio”.
Forse che lori i andea drio
del popolode Dio?     
  
Dice un proverbio antico: 	
	“Voce di popolo 	
	 voce di Dio”.
Forse che loro si curavano 
del Popolo
di Dio?   
  
El popolo l’è zente
da gnente
e Dio sta in alto
su
su
coi santi coi morti
che ormai no’ i e più.
In cesa se canta ’na canzon:	
	“C’è sempre qualcuno	
	 che paga per tutti	
	 c’è sempre qualcuno...”     
  
Il popolo è gente da niente
e Dio sta in alto
su
su
con i santi, con i morti 
che ormai non ci sono più.
In chiesa si canta una canzone:	
	“C’è sempre qualcuno	
	 che paga per tutti	
	 c’è sempre qualcuno...”   
  
Drio el Cristo
che ’l à pagà i erori
de l’umanità
e soportà tuti i doeori
va
milioni e milioni
de pori cristi
i malvisti
pestai còpai
anca adess
dal stess paron
bon sol de far tanta paura.     
  
Dietro Gesù Cristo, 
che ha pagato gli errori 
dell’umanità
e sopportato tutti i dolori,
vanno
milioni e milioni 
di poveri cristi
malvisti
calpestati, uccisi
anche ora
dallo stesso padrone
capace solo di fare tanta paura.   
  
     
  
Sta me storia finisse
sensa vitoria.     
  
Questa mia storia finisce
senza vittoria.   
  
Ma aparentemente
parchè a zente sa ben
dove sta a verità.
No’ ò dit né de pì
né de manco.
So
che franco sora franco
i nostri contadini
i à pagà do volte a so tera
e questa a è storia
sacrosanta e vera.     
  
Ma  apparentemente
perché la gente sa bene
dove sta la verità.
Non ho detto né di più 
né di meno.
So
che lira su lira
i nostri contadini
pagarono due volte la loro terra
e questa è storia
sacrosanta e vera.   
  
A paura à costruio
mura piramidi cità
e anca cultura
ma mai e poì mai
à costruio
a libertà
che vien da Dio.     
  
La  paura ha costruito
mura, piramidi, città
e anche cultura
ma mai e poi mai
ha costruito
la libertà
che viene da Dio.   
  
A scuoea
va ben studiar
storia greca e romana
ma se dovaria studiar
prima a storia paesana
ligada aea tera ae case
ae strade
aea zente del paese
pa’ capir
come
chi à fat senpre e spese
’l è sta el porocan
co’ i cai sue man
l’analfabeta
profeta senza vose
come zento ani fa
iera
a me zente de Crose.     
  
A scuola
va bene studiare
la storia greca e romana
ma si dovrebbe studiare 
prima la storia paesana
legata alla terra, alle case
alle strade
alla gente del paese
per capire
come
chi sempre ha subito
è stato il poveraccio
con i calli sulle mani,
l’analfabeta
profeta senza voce
come cento anni fa
era
la mia gente di Croce.   

Torna alla pagina iniziale di LISA