Poesie dei putèi

Si tratta di alcune delle poesie che Lisa ha scritto per i bambini delle elementari in occasione dei vari presepii viventi. Abbiamo scelto alcune delle più simpatiche o significative e le abbiamo suddivise in due gruppi. Nel primo vi sono quelle personalizzate sui bambini, che quindi recitano se stessi; nel secondo vi sono quelle dedicate ai vari mestieri o ai personaggi del paese e agli avvenimenti che hanno toccato la comunità.


I

 
FABIO ANTONIAZZI
Mi ò tanti cunici
ogni giorno ghe porte
spagna e raici
Co i me sente rivar
i se rampega sua rede
i crede che mi no i vede
I sta là boni incantai
movendo a boca 
come tanti desperai
Co ghe dae el pan 
i fa tanto bacan
co quei dentoni!
Voria aver do leoni
ma me contente anca de do gatti
mi Fabio Antoniazzi.


STEFANO BASSETTO
Son ’ndà a pescar nel canal
ieri mattina
e son stat cussì mal Gesù!
Ò trovà tre pessi voltai in su
i ’ndea come barchette de sbrindolon
portae dall’acqua corentiva
i è vegnui su a riva
i gera morti
i parea parfin storti
i ò ciapai, i ò vardai
morti avelenai 
i gera velenai
da quea fumera nera che a é Marghera
e nee città
ma anca qua nei nostri canai
l’inquinamento a é roba 
de ogni momento.
Butta veeni, omo, butta veeni
e quando ciel e mar i sarà pieni
cossa te farà, omo del domie
te morirà in pie
in mezzo al to progresso.
Rimedia adesso che te pol ancora
butta via na bona ora quei veleni
pieni di morte
verzi e porte alla roba natural
che no fa mai e mai mal
e a voialtri tutti bon Nadal.


MARA BIASI
Quando torne  da scuoea
no no penso al riso in toea
penso a ti che te me speta 
mamma cara e benedeta
Tanti auguri e tanti basi
son la piccola Mara Biasi


MICHELE BINCOLETTO
Co sta cana gargana 
te sonarò la nina nana
Gesù Bambin
L’ò tajada col cortein
fin che son rivà sua peesina
Ghi ne varò roto na ventina
Soltanto questa a sona
e no la stona.
A par na ocarina
e no a xe che na trombetina
de zento ani fa
quando qua su sta me tera
ghe iera cane strame
bisse e rane
Adess co tuto rispeto
sonarò mi 
Michele Bincoleto


GABRIELE CANCELLIER
Gesù Bambin
son el rasciotin 
de casa Cancellier.
Magne che l’é un piazer
son forte e grasso
me piase andar a spasso
Benedissi mama e papà
Fabio e Milieto
Te mando un baso 
Co tanto afeto


VALLY CASONATO
Na roba  soea Gesù Bambin
fa che fassa ben  a scuoea
ma manda a casa la mama
perché Massimo la ciama
son fia de Guido Casonato
ciapa sta steca de mandoeato


LORES DAMO
Gesù Bambin
me ciame Lores Damo
me piase studiar
e cantar
parché go na vose fina
come la Mina.
Benedissi mama e papà
e le care me soree
che le xe tanto tanto bee.


ROSANO D’ANDREA
Gesù Bambin
son Rosano D’Andrea
varda sta rivoltea
no sta ver paura
a va ad acqua pura
ma quando a tegne in man
me par d’esar un capitan.
Te sa che me piase
vestirme da soldà
co l’elmo e a spada
e andar par a strada
a far la guera.
Pin pan  tin tan
patapin patapan!
Gesù Bambin 
me piasaria aver  anca un canon
e canonar matina e sera
proprio come quando
ghe xe a guera.
Sì, lo so a xe a me mania
ma ti iuteme a mandarla via.


STEFANO DANIELI
Gesù Bambin
son fiol de Bernardin Daniei.
Se vesse schei
me compraria a motocross
andaria drio el foss
nea campagna 
sora a spagna
Su e zo
zo e su
che volate Gesù !
Rrrrr
Senti che motorin
Gesù Bambin
Rrrrrrr
Satu, mi stae in via Casera
dove a tera xe nera nera ?
Rrrrrr


FAUSTO DE PIERI
No me piase a  pastasuta
la me stufa
me piase riso, riso in brodo
riso suto
e co dentro un fià de tuto
me piase ziogar, disegnar
far e lezion
 ziogar al baeon
Me piase me papà quando el torna
da Marghera verso sera
mi streto lo ciaparia perché
no l’andasse mai mai via.


MARIA FAVRETTO
Gesù Bambin
anca sto ano son qua
ò da contarte tante novità
me conossitu Gesù?
Son Marieta Favareta
daea lengua s-ceta
ò nove ani
son ancora picinina
ma cossa ò da far?
co tuto el magnar 
son cresua na s-ciantinina
Adess  te conte e novità:
- Satu che zio Vaentin
l’é ‘ndà star da Barbin?
L’à na casa granda
co do orti par banda
a cusina un  tineo a cantina
graner e camere da leto.
Oh quanti lavori a casa mia
par fortuna adess l’é tuto neto
se s’à slargà un fià
no te par?
Me mama e me papà iè contenti
ma mi gnanca un fià
parché no posse ziogar 
co Claudio me cugin
e ti te me capisse
Gesù Bambin.
satu che Gigeto l’é soldà a Bari?
Ogni tanto el scrive:
“Caro papà mandami denari
perché sono in bolletta
e devo mangiare
quello che mettono nella gavetta.”
E dopo el scrive :
 “Tu vedessi come son nere le olive
e come vive
questa gente meridionale!
Il pane è senza sale
il vino invece è buono 
Sapessi dove sono!
Sono lontano dalla città
dove c’è tanta severità
Caro papà pensa che sono a Bari
mandami presto i denari !”

Signor benedissi Gigeto
che l’é lontan
tegneo sempre san
bon come l’è partio
atu capio Gesù Bambin ?
Satu che Arnaldo come gnente
l’à ciapà a so patente
El guida el trator
che l’é rosso come il sol
Dise el papà :
-Adesso se fa quel che se vol
t’un lamp se ara el camp
Intanto che se dise “A”
se va a San Donà
se porta casa cane fen
ua e furmento
co sto trator ch’el core come el vento
Signor co sta poesia
te domando de benedir a casa mia
Benedissi me mama
e i me diese fradei, 
dise el papà che i val pì
de tuti i schei.


RAFFAELE FINOTTO E ADRIANO LESSI
R –  Va via che toca mi
A –  Varda che ciame a maestra
R – Vutu che te bute daa finestra?
A – Me toca mi
R – Sempre cussì Adriano, se ti prendo 
con questa mano....
A – El microfono l’é mio
R – Tìrete in drio, me toca mi
A – Sì sì Raffaele Finoto
nero e brusà come un biscoto
R – Io vi parlo in italiano
ma non vengo da lontano
son di Croce un paesano
vi saluto con la mano
quel che ho detto è tutto qui
e per questo ho il fifì
A – Fifon te sì, altro che fifì
R – Guarda che in quattro e quattr’otto
ti mando al Redentore
A – No sta far el gaeto
parché te dae un  spinton
e te bute de rodoeon
tra e mame e i papà, Raffaele,
situ rabià ?
R – Basta Adriano sono stanco
di vederti così villano
qui non mi piace scherzare
lasciami parlare
A – Bravo Raffaele Finoto
grando come un  giovanoto
ciapemose a brazeto
co tanto afeto
R – Dammi la mano, Adriano
A – Bai bai, uì uì,
a voi tutti che siete  qui
ciao da Raffaele con il fifì.


STEFANIA FREGONESE
Son Stefania Fregonese
quante spese!
par vivar Gesù Bambin
i ne svoda el tacuin.
Se va a far a spesa 
co mile franchi 
e se torna coa borsa 
che gnanca a pesa
e co do scartozi bianchi
No vede ora de lavorar
par guadagnar
Intanto benedissi me sorea
che a parte co na cartea
piena de libri e de libroni
e co tante lezioni
Fa che la vegna na maestrina
e fa che mi me finisse a baretina


ADRIANO LESSI
Gesù  bambin 
son el rasciotin de Lessi Giovanni
fa che me mama a vive zento ani
e ch’el papà vada sora i zento
fa che vegne tant frumento
che e gaine fassa tanti vovi
e ti pòrteme un pèr de guanti novi.


GIULIO LUNARDELLI
Schei
Schei che nee man
i sparisse come osei
Schei che copa imbroia
parché i fa vegner de tuto voia
Mi me contente de sta paga domenicale
e col cuor ve dise Buon Natale.


LUCA MARIUZZO
Caro Gesù Bambin
mi son Luca dei Mariuzi dea Pia 
e uno dei cruzi
che rende triste a vita mia 
l’é che tuti me ciol in giro
parché son alt cofà ’na biro: 
al baeon, a scuoea, fora da messa
tuti me dise che son na nessa
e che se dae radise del formento 
vui vegner fora almanco col mento
me convien comprarme un caval
o do cavarete 
e montarghe par sora 
par deventar alt un metro e sete…

Parfin me zia
dise che son ’na busìa 
parché ho ’e gambe corte…
Mi par adess soporte 
ma se ti te me fa cressar na bea s-cianta
fin a un metro e otanta,
Gesù Banbin, mi te porte un fiasco de vin.


SILVANA MASON
Che Nadal felice
se ga la lavatrice: 
la ga un motorin
Gesù bambin
silenzioso e delicato
che in un lampo
el bucato el xe fato.
Grazie de tuti sti doni
e noialtri zercaren 
de esar pì boni.


LA FIGLIA DI NARCISO MEARA (DE ZOTTI)
Son fia de Narciso Meara
che lavora sul marmo de Carara
e go tanto tanto caro 
de mostrarte Rosanna Bizzaro 
fia de me zio Rino
Gesù Bambino


LORENZO MICHIELETTO e SILEO VENDRAMINETTO 
L – Varda Gesù sto traverson bianco
L’é bel neto, tuto bianco
ma te savesse che lavoro el me dà
quando l’ò da cavar.
Ò da imbotonar e sbotonar  sete botoni
pensete ti 
co quea fame che ò mi.
Varda Gesù sto boton
dee volte me vien da darghe un tiron
e rompar tuto el traverson
S  – Bravo macaco
e to mama che lo lava
ea gnanca brava?!
Lo lava co l’Olà
e lo sporco se ne va.
Mi a dirte a verità 
el me piase tuto bianco
sicuro ch’el me dà da far
impira e despira
botona e sbotona
s’à tanto da lavorar.
Ma varda sen bei neti
se par do angioleti
L – Angioleto ti che ti si tuto un dispeto?
S  – E ti che te vol aver sempre rason
L – Va là va là Sileo sta bon
sto ano te si cressù gnanca un deo
S  – Ma satu che nea bote picinina
sta el vin bon
L – Sarà 
Gesù Bambin
daghe ti un tiron 
e falo cressar
magari un fiantinin
S  – Sì Signor fame cressar
no tanto nea statura
quanto nea  bravura.
Fa che scriva senza potaci:
ciapa te mando tanti baci.
L – Ciao Gesù Bambin
ricordete de lu e de mi
che son ancora picinin.


FRANCESCO MUTTON
L’altra sera dixe me papà
sentà aea television:
“No son bon de capir
dove se andarà a finir
bruta miseria
co tanta cativeria!
prima i à fato Zorro e i putei
zo a spendar schei
par spada e tabarin
Gesù Bambin
desso Tarzan pì forte de Carnera!
e i putei i se dà pugni
daea matina aea sera”
À rason el papà
ma anca mi ò rason
voria essar coragioso
come “Tarzan el vittorioso”
un salto, un colpo, e l’altro
el casca morto.
Ieri nel cortio che paura
Gesù mio,
un putel corendo come un osel
l’à ciapà pal col el fiol dea Maria 
e po’ ’l é scampà via.
L’altro l’é sta imbaucà pa un  fià
el parea sofegà.
Tarzan sì ma ala television
lontan, in figura,
ma no farlo coe nostre man
perché lu l’é tant pericoeoso 
anca se l’é coragioso.
E noialtri putei 
gnente colpi duri come cortei
gnente pugni all’improviso
sua testa sul viso
ma coremose ancora drio
come faseva me papà e el nono mio.


GINO PEGORER
Mi son Gino Pegorer
a casa ò un pomer
l’à fato pomi  cussì
ciapa, questo l’é par ti.

Mi da grando Gesù Bambin
voria far el contadin
me piase lavorar a tera
anca se a xe dura come na piera
Avarò na casa bea
un trator na motorea
avarò la falciatrice
el tineo a lavatrice
a cucina americana
la campagna tuta mia
senza afito o mezadria
ma mi intanto 
studie e leze
studie ben e studie tanto
Vui saver un fià de tuto
e no star là come muto,
co i me parla de concime
de regime
...................
dea luna e del rovescio
Te saludo co piazer
son el to Gino Pegorer.


GIOVANNI PEGORER
Tuti parla de fame de povertà
e mi no vedo altro 
che na gran quantità
de roba bona.
Adesso se magna faraona pasticio
tortelini riso coi fegatini, vedel polame
ma dove xea sta fame!
A pranzo e a cena a toea 
a é sempre piena
Varda i putei de scuoa Gesù
i se compra no na roba soea
ma do tre in quantità
e i spende fin che i ghe n’à
Al merendin Gesù Bambin  mi magne
un mandarin, na banana, pan e formaio
e dopo i ga coraio
de parlar de povertà qua!
No no a povertà a sarà sì, ma lontan
dai neri che no conosse el pan
ma noialtri no ne manca
proprio niente
se ga tuti l’ocorente
e se par caso ghe xe un fià de carestia
lo sa soltanto el papà e a mama mia.


STEFANO RUBINATO
Mi son Stefano Rubinato
tuti me dise
che son el ritrato
de me nono Casonato.
Me piase ciacoear
e parlar
ma so anca disegnar
e cantar
Vutu che te cante na canzoneta
Gesù Bambin 
speta che me s-ciare a voseta.


LUCIANA SGNAOLIN
Gesù Bambin 
son a Luciana  Sgnaolin
mora come el fumo del camin
magne poenta e late
e tante patate
me piase cantar e disegnar
so scrivar anca un pensierin
Gesù Bambin.
Benedissi mama e papà
Maria e Adriana
Scolteme mi che son a Luciana


STEFANO TESO 
Son fiol de Orlando 
oh, me papà nol sta mai de bando
el xe un lavorator Signor
el fa economia 
e nol va mai via
ma mi te prego Gesù Bambin
par me fradel picinin
l’è Manrico de clase prima
e chissà ch’el riva in cima!
El scrive pian pianin
adagieto  Gesù Bambin
e col ciapa a pena co l’inchiostro
el fa tuto un pastrocio.
Tegneghe ti la man
e che nol me fassa rabiar
quando no l’è bon
de far lu e lezion
Grazie Gesù Bambin 
grazie da Teso Stefanin.


LUCIANO TRAVERSO e RAFFAELE FINOTTO
L – Gesù Bambin
questo l’é Rafaele Finoto
varda che giovanoto
el ga el cravatin
i cavei lustri e bei
e in scarsea trenta schei.
R – Valà valà Luciano Traverso
te sì proprio roverso
vutu che sia come ti 
senza denti
e coi cavei driti
come stecadenti ?
E po’ pal me temperamento
ti sì rumoroso come el vento.
Me piase invenze Capoieta
Gesù Bambin,
varda che picinin !


GUERRINO TUNINATO
Co tuta libertà
te dise che ò un can amaestrà
Gesù Bambin
Vien qua –  ghe dise – el vien.
Va là – el va.
Ciapa sto osso de gaina
el va a portarlo nea cantina.
Dame qua a zatina.
Mi son el maestro e lu el me scoearo
obediente sapiente
Co na vardada
el sa chi passa pa a strada
el conosse i passi dea zente
e l’é inteigente
ghe manca sol a paroea 
parché no l’é andà a scuoea

“Can no magna can” dise el papà
e alora parché l’omo che tuto sa
el copa come un desperà ?
Parché el fa del mal?
Mi no capisse gnente
Bon Nadal a voialtri bona  zente.


SILEO VENDRAMINETTO e LORENZO MICHELETTO
S – Gesù Bambin
son come un pevarin
son Sileo alto un deo
son de Vendramineto
Te savesse…
ieri ò lassà vert el rubineto
L – El m’à bagnà e braghesse
te savesse che ranteghin 
Gesù Bambin !
S – No sta far el fifon
se no te dae un s-ciafon
lo so che son birbante
ma ti te ghe ne fa tante…
L – Lo so, perdona tuti do
se lu l’é pevarin
mi son come l’aséo
anca se son alto come un scheo.


ECCO A VOI I TRE VENDRAMINETTI
Mi son fiol de Romano Vendraminetto
e dea Giustina Bincoletto
me piase magnar el late
e caminar coe zavate
satu che a scuoea el tempo voea ?
So scriva lezar contar
so anca disegnar

E mi son sorea de Santin 
Gesù Bambin
son Adelina ranteghina
e picinina
go i ociai da professor
e a scuoea me fae onor

Che ciacoeoni Gesù Bambin
i sa tuto lori
fa che i vegna su boni
ciapa sti confeti
e bon Nadal da tuti i Vendraminetti.



II




EL SOLDÀ
Son rivà tuto sudà
go ciapà a  ferovia
e via de corsa.
Te sta borsa go tuto el coredo
Un coredo par zente che no ga fredo
zente come mi Signor
un fusto de vent’ani
co tuti i denti sani.
Na volta el soldà
l’andava de girondon
con un valison.
Adesso i soldai
i ga tant de cavei taiai
come Celentano
borsa soto mano
scarpe de mocasin
Gesù Bambin
capel sul vintitrè
e allè… un…due…tre..
Me dixe me pare:
-	Te magna sui piati de tera
i te lassa tegner quea caveera
te core in camioneta
te fa vita da siori ostregheta !
Oh pare mio, 
no xe tute rose e fiori
sta vita da signori!
No te conta ti el pensier
dea fameia
un pensier che’l me sveia de note
e co spete quea carta da mie
me sveie che xe e sie.
Gesù Bambin
tegnene na man sua testa
el mondo l’è tuto in tempesta.
Che spigola Signor co Cuba!
Che ore de paura
oh la guera che bruttura !
Ciao Gesù Bambin
no te saludo no come un soldà
te saludo coun inchin. 
Ciao Gesù Bambin !


EL POSTIN
Mariuzo, posta!
Toresan, posta!
Gesù Bambin
no ghi ne posse pì
varda che borsa
sempre piena
e sempre de corsa
a zigar : Posta, posta !
Che giorni, questi !
Co te riva ti 
a borsa se fa piena cussì
de carte cartine
cartoine
biglieti pacheti pachetini
paconi
Satu che trove tuti pì boni ?
Tuti lavora, i canta
e i speta el postin
ch’el ghe porte 
el saeudo del cugin
dea morosa
dea tosa, del fradel
del putel de scuoea
del fiol soldà
de quel maeà.
Argine S. Marco, Croce,
Ponte del Bosco
Casera, Triestina
ogni matina cussì
Mi canto
a fadiga me passa;
scusa se parle massa. 
Ciao Gesù Bambin
ciao dal to postin
Danet, posta !
Bertoco, posta !


GIULIETA
Gesù Bambin son a Giulieta
e ho tanta freta.
Vegne da Milan Oh el gran Milan !
A signora me ga dito :
-Apena fato el sofrito partirai
per il tuo paese
ti pago le spese
non fermarti a sindacare
va a salutare la famiglia
e poi piglia il direto
che t’ho segnato
e il Natale così avrai fato.
Mi raccomando Giulieta
torna verso sereta
non tenermi in ansietà
sai com’è brutta  la nostra città!
E mi subito go risposto:
-Signora ad ogni costo tornerò
col direto che fa Parigi e Bordò
el passa darente casa mia
non stia pensar vossignoria.
Adeso son qua Gesù Bambin
varda che paltonzin
el xe linea Chanel
el me sta un penel
el xe quel dea paronzina
go anca el capel ala parigina
la borsa e la valisa
dentro na camisa par me papà
un fià de paneton
e un per de scarpe del paron.
Che vita in cità:
tuti i parla in italiano
i se strenze la mano
i fa ricevimenti
e mi neto i piati e i pavimenti
	coraio Giulieta
	a parona te speta
là te magna a sazietà
	la maionese col bacaeà
grissini e tortellini
	e cussì a scotadeo 
do tochi de vedeo.


GIULIETA DA TORIN  1963
Gesù Bambin
son rivada de corsa
ma son rivada !
Go dato na ociada
de qua de là
ma Croxe xe cambià 
perbaco !
Un saco de case nove !

Me trove ben Gesù Bambin.
Sto ano vegne da Torin.
Go lassà Milano
troppo movimento troppo baccano !
Sirene sirene fumo da morire
el caivo che te fa impazzire.
Torin Gesù Bambin
è la cità dei siori.
Son da un ingegner
e lavorar l’é un gran piazer.
El ga la mieezento
un lussuoso appartamento
frigorifero radio televisione
e la moglie
una pelliccia de visone.
	E po’ a Torin a paga sindacale 
	è alta e non è male
	la salta a cinquanta al mese
	neta de tute le spese.
Na vita da signori Gesù Bambin!
Beve liquori e magne a volontà
e me veste come a zente de cità.
Oh, la signora me rispeta
Dice: “Giulieta lava solo i pani
poi faremo domani
se sei stanca va fuori un’ora
basta che ritorni bonora.
E mi
-Signora voglio finire il bucato 
e dopo quel che è fato è fato”
andremo d’acordo Signor
la è bona a me signora
me par fin che a sia in sogezion de mi
parchè mi ogni tanto ghe tire i oci
alze a voxe e ghe dixe
“ Se no la finisse de brontolare
ritorno a Croce al mio casolare.
E lei 
“Giulieta povereta  sei nervosa
brontoli per ogni cosa
hai i nervi rovinati
laverò io i piati!”
Signor anca a Torin
me vien majnconia
quando de sera pense a casa mia.
A’ dito ben ben Dante
lu ch’el ghe n’à scrito tante:
“Come sa di sale 
lo scender e salir
per l’altrui scale !”
El voea dir:
“Come se sta ben 
co a mama e col papà
come se sta ben nea fameja
nessuna meraveja
se el pan l’è pi bon 
se co s’à mal el passa
sol se se se senta sora el pajon.
Sì sì Gesù Bambin 
tornarò a Torin
tra diese ani
E la mia signora:
“E’ bene che tu torni domani
per far l’Epifania
mi raccomando sta attenta al treno
è quello straordinario
non attraversare il binario
non dar retta alla gente
che vuol sapere tutto
mi raccomando Giulietta 
torna per la Pasquetta
e mi son qua Gesù Bambin
e Torin l’è là
go visto la Mole Antoneliana
pardiana !
a xe larga un  mese e ‘na settimana.
Restarò qua Signor
fespirarò un fià de aria pura.
Signor benedissi mi a to creatura
fa che rive a Torin
e che no perda el scontrin.
Ciao Gesù Bambin 
Fa che no perda a vaisa
che me zia Bisa a se sposa
benedissi ogni tosa 
che va a servizio dai paroni
fa che no a trove i cialtroni
fa che se lavore de bona volontà
Ciao Gesù Bambin
scusame sa 
ma me son proprio sfogà


OH,  ‘STA ME TERA!
Ciao Gesù Bambin
son el contadin.
Qua xe vegnù tuto el paese
E mi te go portà el quartese,
Gesù Bambin
situ contento de sto paese?
Mi credo de sì.
Saren un fià interstardai
incaponai
ma credemo a ti Signor
a Ti paron  del  ciel e dea tera.
Oh, sta me tera !
no a molaria
par tuto l’oro del mondo!
In fondo no xe tanti guadagni
lo so
ma se vive senza malani.
Vae da San Martin a San Martin
co poenta e vin.

Benedeto sto lavoro del contadin!
Un lavoro senza controllo
senza romperse el colo
senza paura del paron
o de ciapar contravenzion.
Un bon lavoro, Signor !
Adeso col trator
se fa lavoro par zento
pensa che a casa go
tresento quintai de panoce
zento de ua
vache in staea
quaranta gai
gaine, pitoni
museti e saeami boni.

No me manca gnente, Signor
go qualcossa in banca
fae un fià la vita del sior. 
xeo forse sior Marzoto
Agneli o Inocenti
quei dee machine dee moto
paroni de stabilimenti ?
Xei siori quei che ga lassa la tera?
I nostri paesani
che come i avesse trovà l’oro
i xe andai a trovar lavoro
a Meda , Milan, Seregno
E chi lavora t’el fero
E chi t’el legno ?
I ga lassà la tera
e i magna carne
mezzogiorno e sera
ma carne rossa de punterete.
I ga e man nete
ma là proprio là
i fa el formaio
senza late e conaio
co dentro botoni e rasature
tute brutture,Gesù.
I beve el vin co a polvareta
el late serà nea botiglieta
e se i vol na faraona
i va a casa co na pitona.
i beve i vovi dell’Olanda
ma cossa se metei da banda ?

Ho visto che chi ga lassà la tera
i vive te case
grande come na caponera
i lavora nei stabilimenti
inquadrai
come nei regimenti.
I guadagna schèì
ma tuto i magna
pochi i ghe ne mete via
parché i va a finir
in ostaria.

Signor, mi son contadin
e reste contadin
par tuta a vita.
Me piase a tera
sta tera de frumento
sti selgheri
sti puneri
sta stala coi bo e i vedei
sto fià de schei
e tanta libertà.

Sì, a libertà del contadin
no la ga nessun
Gesù Bambin.
Un lavoro san,de sodisfazion
se Ti te ghe dà a to benedizion.
No mandarme el seco
un seco che l’à tuto brusà
brusà fasioi, fen
zuche e zucoi.

Signor benedissi el frumento
manda sol e vento
te lasso qua el quartese.
Benedissi Croxe,el me paese.
adesso go finio
servitor suo
e grazie Gesù mio !


DIXE  EL CONTADIN
Anca sto ano son qua, 
ma son qua come un povaro desperà
Che ano meschin, Gesù Bambin !
S’à lavorà sudà e sfadigà
ma a casa cossa s’a portà ?
Meio gnanca parlar !
In primavera piova, piova, 
vecia, nova, ma sempre piova.
In istà un sol indemonià
che l’ha tuto brusà.
E dopo el tempeston.
Che tempeston, Gesù Bambin!
Na volta, do volte, tre volte:
l’à stritoeà  ua, panoce e fen.
Va ben che non saren boni
ma che castigo Signor!
Lo so che nesun se morirà de fame, 
parchè ti  che ti si la Providenza
no te ne lassa senza ch’el pochetin,
Gesù Bambin.
varda : poco frumento
dei zento quinai de ua 
gnanca metà,
panoce intorsegae, bagnae,
stonfe de piova.
Un ano de prova, Signor,
un ano sfortunà.
Ma senti cossa  mi go pensà:
“L’omo co e so invenzion
no l’è bon de cavar dal ciel,
lu che l’à la testa grossa,
gnanca na giossa.
El trova tanti ordigni
e tuti maligni,
ma chi  comanda lassù
ti si ti, Gesù.
Intanto che mi dorme 
te fa la spiga grossa
la ua rossa
le panoce fate, le patate
e fruti e  fiori de tuti i coeori.
Gesù Bambin
come falo el contadin
a far tuto da lu
se no te lo aiuta ti Gesù ?
Par sto ano basta malore!
fa che le galine no ne more
fane star ben de salute
E anca se no go valute,
no importa !
Qua te la sporta go el quartese
un quartese senza pretese, Gesù!
Ciao Gesù Bambin
benedissi tanto el me paese,
benedissi la me Maria
la xe vecia e sfinia
benedissi le tose e le spose
e i me tosati
anca se i xe un fià mati.
Adesso go finio
Servitor suo e grazie, Gesù mio !


EL CACIATOR
Signor benedissi el caciator
ch’el se alza su bonora
anca se tira a bora
Lu col s-ciop in man
col can
el parte el va lontan
Benedissi i caciatori
fa che no i ciape i doeori
fa che no i fae cileca
e che qualche lievaro i se becca.
Pensa che vita dificoltosa
col vento fredo e a brosa
avanti e indrio par la campagna
e nessun se lagna
Benedissi i cacciatori de Croxe
fa che no i perda a vose
fa che i stae tanto ben
e che i torne col canestro pien
de selvagina
Benedìssei anca se é
domenega matina. 



(FOTO 70 e 71 aiuti dopo l’alluvione) Il 5 novembre 1966 Croce è invasa dall’alluvione: con i versi sotto un bambino ringrazia per gli aiuti giunti da tutta Italia:

Cari amighi, amighi boni che ne v'è mandà roba par milioni e milioni grazie de cuor e ve benedissa sempre el Signor. Se s’à vestio da testa ai pie co l’aluvion del sesantasie!! Cossa no xe rivà te sto paese! Gnanca e spese de trasporto se ga pagà e tuto xe rivà franco de porto. Che roba bea neta, stirada la pareva pena comprada. Maioni blusoni giachete scarpe larghe scarpe strete camise vaise leti capei calzeti par putei paltò biceri tece maie par le vecete braghe braghete scarponi e cotoete: che magazin Gesù Bambin! El parea quel de Coin. Mi go na giaca a vento che la xe un portento e le braghe da sci strete cusì roba neta bea stirada a par pena comprada Grazie amighi milanesi piemontesi emiliani romani El Bambinel sentà sul fen ve daga gioia e tanto ben! MARGHERA Marghera zona nera Marghera Fumera. Marghera miniera de rovina par chi ogni matina i vien da ti par lavorar. E cossa s’à da far ? E ciminiere come canoniere e buta e buta e intanto l’umanità sarà distrutta. fumo ross fumo bianco fumo zal come a cresta del gal. Gas fumo veen dove ‘ndaren ? Morte verzi finestre e porte ! I omeni vien dentro el to aveenamento. Forza corajo vanti tuti quanti! Avanti paroni boni sol de far milioni e milioni voialtri pa i schei brusè i fradei ghe intorseghè el respiro nel giro de minuti e tuti tuti sti operai i morirà sofegai! Varen el progresso ma adess basta a morte ne casca sora parchè a xe ea a vera Signora. Omeni de bona volontà salvè sta pora umanità ! MI SON UN BEAT Mison un beat no pago l’afit la casa mia la go in galeria de Milan no porto sugaman parché me lavo mai No me piase i cavei taiai i me piase longhi sti cavei no li tajaria par tuti i schei del mondo son vagabondo vado a pie te sto mondo de busie. La mia vita è una protesta ogni giorno per me è festa. Non lavoro con le mani alle mani ho anelli, gioielli orecchini con le pietre La casa mia è nella saccheria ho una coperta rosa per stenderla sulla strada polverosa Protestiamo e non vogliamo stabilimenti spazzolini per i denti. Teneteci la chiave della vostra astronave. Il traffico non ci va rovina la città. Non vogliamo la fatica noi siamo la cicala e voi la formica. Io sono un beat e me ne impipp de la famiglia mia La mamma si chiama Maria è matusa mi ha chiesto scusa quando son partito e mi ha dito: “ Figlio tu mi hai tradito” Io odio la guerra dormo per terra sono un bit magno vovo frit pane e salame, ho sempre tanta fame Faccio protesta ed io bit me ne impip della festa nazionale mi piace la festa di Natale il gelato al limone la carne di vitellone il profumato melone. Protestiamo e non vogliamo la Giulietta, la motoretta le fabbriche di cannoni il pasticcio di maccheroni il gilè con i bottoni. Io sono un bit all’italiana la mia casa è molto lontana. Non mi importa nella sporta ho tutta la vita canto e danzo mi chiamo Rocchi Cichita ho gli occhi pitturati di carbon de lavorar no son bon Ciao matusa vestite di nero Ciao viole del pensiero ! Protestiamo e non vogliamo acqua sapone televisione frigo polenta e baccalà e la nostra civiltà Protestiamo e non vogliamo radio libri o la tivù viva i bit della gioventù. CO SARÒ GRANDO Co sarò grando starò sempre de bando gnente lavorar studiar! Me comprarò un vestito blu come el to ciel Gesù Varò na cravata a farfaeta me lassarò cressa a franzeta varò i cavei longhi fin qua sarò come un pascià me lavarò i denti doperarò i stecadenti Magnarò col tovajol voltà no farò el soldà Varò e scarpe nete me tegnarò e basete Gnente lavoro ! Sul deo un anel de oro Caminerò coe man in scarsea ‘ndarò in motorea Me comprarò a NSU Atu capio Gesù ? Gnente lavorar basta sfadigar farò el sior sarò un dotor legante, ben vestio, riverio! -Riverio da chi? Forse da mi ? Te t’à sbaglià paisà, bondagnente creditu de imbroiar sta zente? Satu scriva el to nome, el to cognome? -Go fato a quinta elementare so scrivar el nome de me pare e me mare. -Satu far qualcossa de bon co quee man da sbrindoeon ? -Andando pae strade farò soldi a paeade. -Cossa satu far ? Robar ? -No me interessa come vedarè el me nome sui giornai setimanai -Povero tosato mato Meti giudizio caro el to avenir sarà amaro cossa dìsei to pare e to mare? -I me lassa far -No i ga trovà un manganel pa drizzarte el zervel ? Situ contento de sta vita grama ? Cossa dixe to mama ? “Lavora lavora alzete su bonora contentete del pochetin varda Gesù Bambin” -Signor aiuteme son sfinio vede anca mi ma son intestardio cambia sta me testa dura son ’na to creatura -Coraio Gineto porta a tuti rispeto -Gesù ò el mal dea gioventù aiuteme a tirarme su

1973. Crisi del petrolio e prezzo della benzina alle stelle. Tutti a piedi. Anzi, in bicicletta. L’avvenimento tocca il mondo intero, e ovviamente entra nei versi che un bambino recita in occasione del Presepio Vivente di quell’anno. DE DOMENEGA Finalmente e strade iè tute mie Parchè a zente a va a pie. No passa né machine né moto Prima jera un quarantotto. Adess se sente i osei che canta E i putei che core a 150 Adess mi vede el giaz nel fosso e sora a paeada el pettirosso. Adess che vae pian no saeude co a man come quando in milezento andee come el vento. Adess saeude a voxe alta vede el sol che se ribalta quando el va zo. Mi so che son contenta de no sentir rumori de motori e scapamenti co tuti i odori. Mi vae a pie cussì vede anca a brosa bianca che fa ricami sora i rami dea paeada. E intanto me gode a me strada. Arnaldo Fornasier adess el vende che l’é un piazer. Le biciclette le torna sora e strade come tante reginete piturae nete pompae legere verdi rosse e nere. La mia l’é un campion no à gnanca un tacon. La va oh no a benzina La trovo pronta ogni matina. Cara a me bicicletta ! A é sempre che a me speta. Mi a nete ghe dae l’ojo ghe varde i freni el fanal a è el me capital. Satu Gesù Bambin che son come Gimondi ? In do secondi vae da me cugina che a sta sua Triestina. Ciao e arivederci a doman matina. EL NONO Grazie putel de sto scagnel me ripose un fià no so bon de star in pie e pensar che porte el quarantasie! Son qua Signor ò lassà casa a me Pineta la ga un rafredor ! Son vegnù mi ò pena bevù na ombréta e adess me tabache na preseta. Tasi tasi no la val mal no! Se sa che no porte un quintal ma vae manco pedo. Ho un crep qua tea vita oh ma corajo Tita! Son sbolsegon e ranzegon. Signor come sen gnente a sto mondo te un secondo vien vanti Bepi Piveta el ne buta nea buséta. Adesso l’é el tempo del raduno a uno a uno l’inverno ne staca, basta che non ne sgnaca in inferno, no te par ? Senti e novità: el me tosat l’à comprà a radio che zinganaio! Matina e sera se parla de guera i roba a man bassa i mete na nova tassa Che mondo zacoeon bon de far cossa ? Ho vist na tosa rossa a xe tornada a casa bionda co tanto de onda. Daea machina al trator tuto va a motor. Bone ste invenzion! Ma xeo bon el formajo ? Rispondi, atu corajo ? A pasta sa da gnente l’oio imbroja a zente el vin l’à a polvareta e i poetastri se i fa co a machineta. Pensa ti se me trove mi che son del setantanove. Par fortuna go a me Pineta e sta preseta ti dighe a Piveta ch’el speta. Me basta vivar ancora un fiantin cossa ditu Gesù Bambin ? se no fusse par sta tosse te contaria....... no no ............... me toca scampar via !

Torna alla pagina iniziale di LISA