HISTORIA: dalle origini al 1290 Torna alla pagina iniziale di Croce HISTORIA: dal 1451 al 1530

HISTORIA de CROSE
dal 1291 al 1450


Questo libro è un dono di Carlo Dariol ai suoi lettori

Solo nel 1291 il patriarca rinunciò ai propri diritti giurisdizionali. Ma l’anno successivo riscoppiò la guerra: il patriarca occupò Mussetta e ne rivendicò il possesso.
L’ottenne? Non sappiamo. Intanto oltre Piave, in data 31 dicembre 1292 un certo Spinello, sempre da Medade, donò al Monastero del Pero un suo appezzamento situato anche questo in Gonfo [ASVE, b. 9 Cat. Sand. c. 535, proc. 228, n. 33; citazione in DAVIDE da PORTOGRUARO, L’abbazia benedettina…, pp. 47, 173]. La donazione avviene cent’anni esatti dopo la vendita di Ussinello, anche lui da Medade, di un appezzamento in Gonfo. Viene il dubbio che sia il medesimo appezzamento di cui si è parlato poco sopra e che i documenti, copiati e trascritti nel corso della storia, abbiano raddoppiano gli episodi, a favore della ricchezza di notizie e a danno della verità.. Ce n’è quanto basta infatti per affermare che le due notizie sono sovrapponibili: un 1 nelle cifre dell’anno che diventa 2, e la prima “s” del nome, di solito scritta lunga, che viene letta come una ‘p’…

Un monastero che riceveva così tanti donativi doveva stare a cuore al patriarca di Aquileia se per piegare la resistenza del Comune di Treviso arrivò a lanciare anche l’interdetto su qulla città, che fu sospeso nel 1295 essendosi stabilita una tregua d’armi.

In un documento del 10 settembre 1296 è detto che il monastero del Pero, anche se posto nel distretto di Treviso, apparteneva (ancora) al Patriarcato di Aquileia e che la Villa di Croce apparteneva allo stesso Monastero come una delle sue proprietà [A. Marchesan: Treviso medievale, app. 10]. Un altro documento del 3 novembre 1296 [citato dallo stesso storico,id. app. 10] riferisce che il patriarca Benedettino Raimondo non fu mai in possesso della Villa di Croce, bensì lo era stato il patriarca Gregorio da Montelongo, il quale verso il 1260 aveva consegnato tale possesso al Nobil Homo Albertino Morosini di Venezia. Sembra insomma che il patriarca avesse ceduto Croce, oltre il Piave, e mirasse a tenere Mussetta e San Donato. L’interdetto su Treviso fu ritirato nel 1297 quando un nuovo arbitrato attribuì a Treviso la località.

Ma intanto è comparso un nome: Albertino Morosini. Le famiglie veneziane facevano la loro comparsa nella storia di Croce.

In quell’anno 1297 vi era un sacerdote addetto al chiericato di Santa Croce di Piave, certo prete Domenico, lo stesso addetto alla cappella dei Santi Ermagora e Fortunato: “Capella Stae Crucis. Iuravit et non solvit decimam. Presbiter Dominicus. Iuravit et non solvit decimam”.
[Archivio Segreto Vaticano, Collect., 230; edizione in SELLA-VALE, Rationes decimarum…, p. 80]

Proseguivano le donazioni. In un altro documento datato 16 gennaio 1299 è detto che il signor Ogniben del fu Arnaldo da Cornoledo aveva donato al monastero del Pero due masi di terreno posti in Croce nella località del Gonfo, dei quali si riportano anche i confini; il possesso effettivo avvenne il 3 aprile 1303.
[Cat. Sand. pr 258 n.1,3.e 1.c - notaio Tom.e Bont. di Rovarè]
Ancora un terreno in Gonfo donato al monastero! Dobbiamo supporre che il monastero favorisse assai tali donazioni, e che tenesse particolarmente ai terreni in Gonfo. Ma quello che ci interessa è che per la prima volta “Croce” veniva preceduta dall’aggettivo “Santa”: è forse il segnale che si andava perdendo il riferimento al toponimo originario e si stava ancorando il nome ad una croce di ben altra levatura.

1301: «Dopo April peste, gran mortalità, 30 novembre ad ora di Vespero gran terremoto, durò 10 giorni».
[G.B. Galliccioli, Delle memorie venete antiche profane e ecclesiastiche, Venezia 1745]

Croce di Piave... provincia di Venezia

Dopo esser cresciuta sul mare, Venezia stava cominciando a rivolgersi alla terra ferma; a uno a uno i territori vicini alla laguna finivano in mano alla Repubblica e Croce finiva in mano alle famiglie nobili veneziane. Il territorio di Croce (con Musile, che però nonostante la presenza della chiesa di san Donato, era ancora un’esigua e paludosa striscia di terra lungo la Piave) fu compreso in quello che fu denominato “Dogado” prima e “Rason Vece” poi. Compito del Dogado era la “conservazione dei diritti sopra i terreni, acque, palude, ed altri averi di pubblica ragione”, “non meno che la tutela delle strade e canali interni della Dominante, onde vigilare...”. La Dominante era Venezia, ovviamente.

“Fra le molte Magistrature istituite ad esigere, a perseverare con assidua vigilanza le pubbliche rendite del Principato occupavano luogo distinto li due Uffici delle Rason Vecchie e Nuove”. E ancora: “Continuando nei Dogi il diritto di far eseguire le sentenze delle già istituite Magistrature, esercitavano questa loro giurisdizione col mezzo de’ loro Ministri, detti Commandadori…”

Ma anche per mezzo dei Commandadori era faticosa da Venezia l’amministrazione di questi luoghi: “Sì fatta pratica fu in questo secolo (XIII)… riputata troppo gravosa alla primaria dignità della Repubblica, onde a decoro, e sollievo de’ Dogi si istituì un ufficio detto del Gastaldo”. Il termine era rubato dalla tradizione longobarda. Croce era ‘gastaldia’ almeno dal 1152. “Tutti questi Tribuni e Gastaldi dipendevano dai Dogi che di tutto il dominio tenevano il Governo”.

I Gastaldi amministravano e si preoccupavano di inviare merci a Venezia: ovviamente dovevano qua e là pagare dazio. In un quaderno del dazio sul pane e sul vino, conservato nella Biblioteca Capitolare di Treviso, sotto la data 1302, sono elencati i seguenti dazi: «sotto datio de Croce, 7 soldi grossi; Musil (Frazione di S. Donà) comuni tervisii, 32 lire piccoli; S. Donato del Plavi (Mussetta), 26 denari grossi». Quell’anno vi era stato un inverno particolarmente rigido.


Le palade

Le “palade” erano le barriere doganali veneziane e trevigiane poste sul Piave o sulle sue varie diramazioni per controllare il commercio fluviale fra i due stati: poiché Croce era al confine tra i due stati deduciamo che qualcuna delle palade dovesse trovarsi nel suo acquitorio. Nel 1302 Venezia codificò le norme cui dovevano soggiacere le palade (Treviso l’avrebbe fatto nel 1328): esse dovevano stare aperte solo in tempo di pace e solo dall’alba al tramonto in modo da consentire ad appositi funzionari di controllare sia il passaggio dei viaggiatori che delle merci, riscuotendo le eventuali imposte. Forti multe venivano comminate a chi evitava di accostarsi alla palada con la barca e anche per quei custodi che non ispezionavano attentamente i carichi favorendo l’evasione fiscale e il contrabbando.

Dazi e balzelli si aggiungevano alle decime e ai taglieggiamenti che proprietari e fattori imponevano ai coloni, per cui a questi ultimi rimaneva appena di che sopravvivere: bastava un’annata agraria avversa perché si verificasse una carestia. E anche quella era una musica che non finiva mai:

1304: inondazione;

1314: una spaventosa inondazione della Piave nell’autunno precedente è alla base di una terribile carestia; [G.B. Verci]

1317: inondazione e scossa di terremoto;

1318: carestia;

1318-19: inverno rigidissimo, gelarono i fiumi.

...provvisoriamente sotto gli Scaligeri

La perdita di prestigio dell’abbazia del Pero andava di pari passo col venir meno dell’autonomia da Treviso, un tempo garantita dai forti legami con Aquileia. Cambiate le circostanze, era invece Aquileia ad aver infeudato dei suoi beni trevigiani i da Camino. Il ruolo della potente famiglia trevigiana rappresentò per l’abbazia un baluardo a difesa dal nuovo dominio scaligero, affermatosi nel 1329 con la conquista di Treviso, in seguito a una lunga guerra condotta da Cangrande della Scala.

Mentre il territorio veniva saccheggiato dalle truppe scaligere, in data 9 agosto 1329 il podestà di Treviso Pietro dal Verme ordinò agli uomini di Zenson, Fossalta, San Donato e Croce di Piave di inviare a Treviso le armi e i cavalli tolti a forza ai soldati di Can Grande della scala durante la guerra sotto minaccia di multe gravissime; ma trovò risposte ostili dal mariga di Zenson, che temeva i signori Da Camino, ben saldi nei castelli di Mussa, Mussetta e Sant’Armelio; in aiuto dei locali intervenne la Repubblica Veneta.
[Pavanello: La città di Altino, Treviso 1900, p. 148].

1330: inondazione.

La notizia fornita da Teodegisildo Plateo [Il territorio di San Donà nell’agro di Eraclea, Oderzo 1907], ricopiata pari pari dal Chimenton, che nel 1331 i Foscari furono insigniti del titolo di conti di Noventa – e che nei terreni di Croce essi costruirono una cappella dedicata all’Invenzione della Croce (come risulta da una relazione del 1922 rilasciata da Don Natale Simionato alla Curia di Treviso) – è una notizia imprecisa: il 21 giugno 1331, Giovanni II re di Boemia, figlio dell’imperatore Enrico VII, in Parma, ricompensò sì Nicolò Foscari di alcuni importanti servizi investendolo, a titolo di feudo, con i suoi eredi, maschi e femmine, nati e nascituri, della villa di Noventa, ma nella diocesi di Padova (era la Villa di Noventa Padovana).
Forse la colpa dei due storici è di essersi fidati del loro collega Carlo Agnoletti [Treviso e le sue Pievi,Treviso 1897] il quale riferisce che nel 1330 a Croce vi era un sacerdote in cura d’anime per merito della famiglia Foscari; egli accompagna la notizia che l’Oratorio, ricostruito nell’anno 1331, era dotato di “prebenda” valutata in lire 8, ma le famiglie dovevano contribuire per il suo mantenimento; e che, quando nel 1334 non risiedeva più il Sacerdote, fu un pescatore a pagare la quota della prebenda al vescovo di Treviso.

Esser finiti sotto l’orbita degli scaligeri comportò misure fiscali e obblighi militari sicuramente indesiderati. Un atto del 6 febbraio 1334 obbligava i seguenti paesi a mandare guastatori a Bressello, dove si trovava Mastino della Scala, a proprie spese: Croce di Piave 1, Negrisia 2, Ponte di Piave 2, Noventa 1, Chiarano 2, …
[G.B. Verci, Storia della Marca Trevigiana, Venezia 1797]

1335: scossa di terremoto.

1339: definitivamente sotto la Serenissima

Il dominio degli scaligeri non durò a lungo: proprio il possesso di quest’area e dei castelli di Oderzo e Motta di Livenza determinò una guerra con Venezia, guerra che si concluse il 24 gennaio 1339 con il passaggio di Treviso e tutti i suoi territori sotto la signoria di Venezia. Più propriamente si trattò di un atto di dedizione. Croce di Piave politicamente diventava territorio della Repubblica.
Il suo territorio era ancora in gran parte ricoperto di boschi, come rivela un resoconto finanziario del comune di Treviso dell’anno 1340 – Treviso da due anni era l’oggetto delle mire dei signori da Carrara, signori di Padova – da quale risulta che le rendite dei boschi «di sotto Arzone, di Mussetta, di Navolè, di Marteia, di Onolè, di San Donà, di Croce, … » fruttarono un incasso complessive di lire 2500.

Una singolare carestia si verificò nel 1340 o 1341, causata da sciami di locuste, provenienti dal Friuli, che a primavera inoltrata divorarono ogni sorta di erbe e persino la corteccia degli alberi. Contro il flagello era impotente ogni provvedimento: le autorità offrirono persino un premio per ogni stajo di insetti uccisi (circa 10.000 lire del 1995 per ogni 75-80 kg.).

Nel 1343 un’inondazione.
Nel 1347 una carestia causata da una cattiva annata agricola, che favorì il diffondersi l’anno successivo di una delle epidemie più gravi della storia (la famosa peste del Boccaccio, del 1348): il morbo si manifestava in modo così virulento che in tre giorni portava alla morte chi ne era infettato ed era talmente contagioso che uccise quasi i 2/3 degli abitanti del Veneto.

Per quanto si andasse disboscando lo scenario rurale non si andava modificando di molto.

Contrabbando di pesce

Gli atti di un processo tenutosi nella primavera del 1350 davanti al signor Marino Morosini, onorabile podestà di Lio Maggiore e Minore, di Equilo (l’odierna Jesolo paese) e di Pineta ci consentono invece di aprire uno squarcio sul contrabbando di pesce in quegli anni e sull’esistenza a Croce di una taverna. La taverna era quella dell’oste Pietro e costituiva una sorta di stazione di posta per i contrabbandieri che, attraverso il Sile, la Fossa Vecchia e la Fossa Nuova (che unite e raddrizzate andranno a formare un secolo dopo la Fossetta) e il Piave, andavano a prendere il pesce a Equilo e lo rivendevano nel Trevigiano senza pagare dazio. Su di un episodio in particolare indaga il podestà di Lio Maggiore, quello che riguarda un tal Sagatario che sul suo burchio lungo il Sile ha arruolato Nicoletto, Tiziano e Schiavo per il suo contrabbando. Dopo essersi portati a Marteggia per pernottare presso la taverna di Marco ‘Melone’, e aver la mattina seguente scaricato il pesce che avevano nel burchio, i tre reclutati sono partiti per Croce lasciando a terra Sagatario che li ha raggiunti più tardi presso la taverna di Pietro; da qui sono ripartiti tutti verso Equilo con un altro burchio. Lì hanno comprato una grossa partita di pesce, con la quale hanno risalito il canale della Povegliola ed essendosi fermati lungo il ritorno sono tornati a Croce che già faceva buio. A Croce hanno mangiato e bevuto, dopo di che Sagatario ha detto loro: «Andate al Montiron e aspettatemi là con la barca», mentre lui rimaneva all’osteria con il pesce. I tre così hanno fatto ma giunti al Montirion sono stati catturati e portati a Lio Maggiore, davanti al signor podestà.

Nelle loro deposizioni i tre tirarono in ballo l’oste Pietro di Croce che fu chiamato a sua volta a testimoniare. Pietro non era solo il proprietario della taverna dove i contrabbandieri si erano dati appuntamento ma era fortemente sospettato di essere in combutta con Sagatario. Il 18 aprile, a Lio Maggiore davanti al podestà, egli dichiarò che un giorno gli si erano presentati alla sua riva Sagatario, Benato, Necio e Giuliano, soggetti noti per la loro attività di contrabbando, che gli avevano chiesto del pane, del vino e altre cose di cui avevano bisogno. Lui le aveva date loro e quelli avevano pagato regolarmente, dopo di che si erano messi a trafficare con il pesce, che comperavano a 10 soldi il carro (pro plaustro) di qua dell’argine (de sotum Arçonum) e rivendevano poi in Trevigiana per 40 soldi. Lui comunque non era coinvolto in alcun modo in questi traffici. Quando gli venne chiesto se fosse al corrente che qualcun altro esercitasse il contrabbando da quelle parti, rispose di sì e fece il nome di Cipriano.

Se non partecipava direttamente al contrabbando, certamente sapeva molte cose perché lo stesso giorno così depose Donato, figlio del defunto Nicolò Baroldo di Mazzorbo. Una volta egli se ne veniva con il suo sandalo lungo il Caligo di ritorno da Equilo quando, trovandosi alla curva del canale, si è sentito chiamare da Pietro di Croce e da Marco figlio di ser Cristiani, di Trevigiana, che gli hanno chiesto un passaggio fino a Lio Maggiore. Lui li ha fatti salire sulla sua barca e una volta a bordo i due si sono messi a parlare tra loro, dicendo che Sagatario, Bordolo, Peliccia, Benato e Giuliano per tutto l’inverno non avevano fatto altro che andare su è giù per il Piave di contrabbando.

Come andò a finire il processo? Non lo so.
E che altro si sa di questo Pietro da Croce? Con molta probabilità è il Petrus de Cruce, figlio del fu ser Conradus, che il 29 maggio 1348, quando già a Venezia infuriava la terribile Peste Nera, in quel di Torcello nomina suo procuratore generale Daniele Boneto, presente alla stesura del documento. L’incarico riguarda il recupero del credito che egli ha nei confronti di Pietro Cortesio, ma anche il compito di rappresentarlo in ogni vertenza legale. La morte cammina e Pietro pensa a recuperare i crediti.

Un altro documento rivela che il 31 luglio 1353 il figlio di un certo Primirano, testimoniando su richiesta di Daniele Boneto nella causa da questi intentata contro Pietro da Croce davanti al podestà di Torcello Crescio Molin (1353-1354), afferma che Marco (il Marco Melone citato sopra), fratello di Pietro da Croce, ha sistemato il detto Daniele alla posta della palata di Marteggia e gli ha inoltre ceduto in affitto la taverna del luogo per 24 lire di piccoli annue. Il testimone è in grado di dire ciò perché era presente, però non è al corrente di eventuali altri accordi intercorsi tra i due. Il 14 agosto il podestà proroga a sabato 17 dello stesso mese il termine concesso al Boneto per presentare le sue ragioni contro Pietro. Pietro ha forse ceduto ad altri la taverna in Marteggia che il fratello ha dato in affitto al Boneto? Oppure ha venduta la propria senza affidarsi al Boneto, che pure aveva nominato suo procuratore nel ’48?
Nel frattempo, il 1° agosto 1353, l’oste Pietro, senza revocare gli incarichi precedentemente affidati ad altri, ha nominato suo procuratore frate Nicolò, priore del monastero torcelliano di S. Pietro Casacalbo.
L’oste Pietro era dunque un personaggio di una certa importanza locale, e comunque uno che si dava da fare.
[Oscar Zambon, Tra Marca e Dogado, pp. 132-141]

Da questa vicenda Carlo Dariol ha tratto la prima delle sue Dodese storie in Crose.


Riprendiamo la musica delle calamità.
Nel gennanio del 1359 cadde così tanta neve che i buoi non riuscivano a trainare i carri. In quell’anno vi fu anche una inondazione.
Nel 1361–1363 un pestilenza di una violenza pari a quella del ’48 quasi dimezzò la popolazione della regione.
L’anno successivo (1364) si ripetè l’invasione di cavallette: gli sciami erano così sterminati che impedivano a volte il transito per ore da un luogo all’altro, e ovviamente lasciavano il terreno spoglio di ogni forma di vita vegetale; quell’anno fu anche avvertita una scossa di terremoto.
Nel 1368 ancora una inondazione.
Nel 1372 si diffuse una pestilenza, la cui causa fu ravvisata in «un maligno aspetto di Saturno e di Marte, l’uno nel segno di Vergine e l’altro in Gemini dove non hanno dignità alcuna».

E ancora guerra.
I desideri di rivalsa degli Scaligeri, le ambizioni dei da Carrara, le discordie fra i da Camino in quel di Oderzo e le antiche rivendicazioni dei patriarchi aquileiesi produssero negli anni successivi una serie di guerre e di mutamenti di regime che desolarono tutto il Basso Veneto: milizie mercenarie battenti più bandiere vi commisero impunentemente saccheggi, le violenze e i soprusi. Le ostilità si aprirono nel 1379 allorché Venezia si trovò a fronteggiare una lega formata da Francesco da Carrara, signore di Padova, la Repubblica di Genova, il patriarca di Aquileia e il re d’Ungheria. L’aspro conflitto si chiuse con la pace di Torino (1381), in cui Venezia, resasi conto di non poter conservare il possesso di Treviso, preferì cedere la città e il suo territorio a Leopoldo duca d’Austria pur di non vederlo soggetto ai padovani.
Il dominio austriaco fu però brevissimo poiché Francesco da Carrara nello stesso anno (1381) cominciò a occupare il territorio e stringere d’assedio Treviso, sicché il duca d’Austria preferì venire a un accordo e nel 1383 gli vendé sia la città che il suo distretto.
A minare la tranquillità degli abitanti di Croce, più che il mutar dei signori, fu un’altra pestilenza nel 1382, attribuibile questa volta a una «horrenda cometa di longhezza, quanto si poteva misurar con gli hocchi di 20 palmi», e quindi un’inondazione nel 1383.
I da Carrara non riuscirono a tenere saldamente i territori da poco ottenuti: nel 1388 si sollevò Treviso, imitata dai centri minori, che approfittarono di un guerra fra quel casato e i Visconti di Milano, per cui Treviso ritornò a far parte della Repubblica di Venezia, e questa volta in modo duraturo.

Completiamo il secolo con una carestia dovuta a una cattiva annata agricola nel 1390, in bellezza con una pestilenza nel 1400. Fa quasi ridere la notizia che alla fine del XIV secolo Croce godeva di numerose prerogative e si estendeva su ben 1320 ettari, per la maggior parte coperti da boschi.



Venezia cominciava ad esercitare la sua influenza sull’abbazia del Pero, come rivela l’appartenenza dei cognomi degli abati alla storia veneziana.
All’inizio del XV secolo i terreni che per oltre un secolo erano stati amministrati direttamente dai monaci furono ceduto ‘a livello’ (cioè in affitto) al patrizio veneto Giovanni Bragadino [ASVE Catastico Sandei proc. 258 n.1,3.e 1.c - notaio Tom.e Bont. di Rovarè]. In particolare, il 18 marzo 1400 l’abate del Pero Giovanni Vitturi stipulò con Vettore detto Turco q. Crescimbene originario dalla padovana ma abitante in Fossalta il contratto di fittanza di un manso a Croce, composto di otto appezzamenti
[ASTV, Notarile I, b. 167, notaio Coneglano q. Giovanni de Coneglano, q. 4, c. 29v]

Del 9 settembre 1409 è un decreto del podestà di Treviso che obbligava le Ville lungo le sponde del Piave di provvedere a riparare o costruire solidi argini per scongiurare gli straripamenti esimendoli dai gravami fiscali.
[P. Davide: Abbazia di Monastier, pag. 70]

Nel 1429 il beneficio di Santa Croce di Piave risulta goduto dal canonico trevigiano Giacomo Cavalli, il quale incaricò per la celebrazione della messa festiva il rettore di Zenson, prete Agotino Rosso.
[ASTV, Notarile I, b. 239, q. 9, 8 febbraio 1429; citazione in PESCE, La Chiesa…, II, p. 166]

Nel 1434 Giacomo di Bartolomeo Barozzi, nipote dell’abate del Pero e suo procuratore, consegnava al comune di Treviso la dichiarazione delle condizioni di estimo, conenenti l’elenco dei beni dell’abbazia: l’abbazia possedeva beni in villa di Barbarana, in Riva di Predancino, in Zenson, a Levada, il bosco di Frassenè, il bosco della Selva di Vallio… e nel paese di Croce, dove erano proprietà dell’abbazia due mansi e una chiusura di 2 campi; mentre dall’altra parte della Piave, in corrispondenza dello stesso paese di Croce, c’era un altro manso di 20 campi, in quel momento disabitato.
[Ivano Sartor, L’abbazia di Santa Maria del Pero pag. 99]

Da un documento del 1437 risulta che l’abate Barozzi nominò suo speciale procuratore il dottore in medicina Vigilio da Treviso per recuperare il credito di 22 ducati d’oro dovutogli da Antonio detto Barba da Croce per affitti [ASTV]). L’abbazia del Pero stava vivendo anni di forte crisi. Nel 1444 il monastero appariva completamente vuoto e l’abate Barozzi si trasferì a Treviso. In seguito tentò di riprendere la vita del cenobio, nel 1449 è documentata infatti la presenza di tre monaci oltre all’abate; alla morte di questi, nel giugno del 1449 venne chiamato a succedergli il giovane Leonardo Barbo, giovane monaco del Lido, nipote di Pietro Barbo, animato delle migliori intenzioni, che però morì improvvisamente a tre mesi dalla nomina, ancor prima di prendere possesso dell’abbazia. Fu eletto nuovo abate-commendatore l’ancor più giovane fratello di Leonardo, il tredicenne Giovanni, che non si trovava ancora nello stato religioso. Ed è forse dovuta a questo suo status la spiegazione del motivo per cui il pontefice Niccolò V intervenne con una bolla a mutare il regime giuridico del monastero trasformandolo in Comenda [Catastico Sandei]. Il giovane, ydiota quia est ignorantem a detta dei tre monaci rimasti, in pochi anni alienò molti dei beni dell’abbazia impoverendola irrimediabilmente e arricchendo familiari e parenti.

Per una trattazione completa dell’argomento vedi
CARLO DARIOL - Storia di Croce Vol. I - IL PAESE DELL'INVENZIONE
dalle origini all’arrivo di Don Natale (1897), Edizioni del Cubo

HISTORIA: dalle origini al 1290 Torna alla pagina iniziale di Croce HISTORIA: dal 1451 al 1530