STORIA di SAN DONÀ
dal 1250 al 1500


La leggenda dei due capponi e del nome di San Donato

Nel 1250 o giù di lì una tremenda inondazione tagliò in due il paese di san Donato, lasciando la sua chiesetta a destra del fiume (così racconta l’Agnoletti), lasciando supporre che la chiesetta si trovasse prima sulla sinistra e che il fiume corresse più a occidente. Quando le acque si ritirarono le famiglie rimaste a sinistra non si persero d’animo e con fiducia costruirono un’altra chiesa dedicandola a san Remigio, vescovo di Reims: se lui tanti secoli prima era riuscito a conquistare il cuore del re pagano Clodoveo battezzando tremila franchi, anche loro l’avrebbero finalmente avuta vinta contro quegli scherzi d’acqua e del destino. Ma si sa che quando ci si affeziona a qualcuno, sia una moglie, un figlio o un santo, è difficile d’un tratto staccarsene. Presi dalla nostalgia gli abitanti di San Remigio vollero in qualche modo ricordare nel nome del paese l’amato santo. Tanto fecero e tanto pregarono che alla fine convinsero i vicini di Musile a lasciare alla frazione cresciuta intorno alla cappella di San Remigio il nome di San Donato; Musile, dal canto suo, conservò il titolo nella chiesa parrocchiale. Ciascun paese possedeva dunque un importante riferimento a san Donato e la questione, che rischiava di degenerare in rivalità accesa fra le frazioni, fu finalmente risolta, con la donazione di un paio di “gallos eviratos”. (La cerimonia organizzata per suggellare quello che ancor oggi si chiama “Patto di amistà” risale al 7 agosto di un anno imprecisato del XVI secolo.) Questa almeno la storia che Musilotti e Sandonatesi amano ricordare.

Nel contesto di una tarda azione di recupero di beni già patriarcali apprendiamo di una dichiarazione rilasciata il 31 ottobre 1253 da Reprandino, procuratore di Alberico da Romano, al patriarca Gregorio da Montelongo, nella quale elencava tutti beni tenuti in feudo: la corte di Medade con il castellar di Medade, le ville di Medade, Angaran, Carpenedo, Gonfo, Pralongo, Ansom (Zenson?), Meolo, Mardegane, il porto di Meolo e la villa di Croce.
[Museo Correr di Venezia, ms. PD-C 970/16, 23 aprile 1464]

La riconciliazione di Alberico col fratello Ezzelino (1257) avvenne in un periodo di difficoltà per entambi: contro di loro la Chiesa emise condanna di scomunica e indisse una crociata di liberazione dai perfidi “tiranni”, alla quale concorsero i numerosi fuoriusciti di Treviso, raccoltisi in Venezia.
Il gastaldo Almerico di Sacile prese possesso del castello di Mussa a nome del patriarca di Aquileia, Gregorio da Montelongo, il 13 novembre 1259.
[Pio Paschini, Gregorio di Montelongo patriarca d'Aquileia (1251-1269), in Memorie Storiche Forogiuliesi, Udine, Regia deputazione friulana di storia patria, 1921, p.27]
La drammatica fine della stagione ezzeliniana, protrattasi per oltre un secolo culminò con la “strage di San Bartolomeo” in cui l’intera famiglia dei da Romano venne annientata nel castello di San Zenone (1260). Il Consiglio Maggiore della città di Treviso provvide a incamerare i feudi della famiglia, e dando per certi anche i diritti di subingresso nell’avvocazia ezzeliniana sui feudi e sui beni dell’abbazia del Pero, fece occupare i boschi della Martellia (Marteggia) e della Silvella presso la Piave.
Nel 1260 si ha notizia che il podestà trevigiano imponeva alla «Curiae Mussae et Sancti Donati» il pagamento di tributi sui prodotti agricoli [Franco Romanin, Mussetta e la sua Storia].
In particolare nel 1261 avocò a sé la «Curia di Mussa e di San Donato e la Villa di Croce appresso la Piave» [A. Marchesan, Treviso Medievale,Treviso 1924] nonostante l’opposizione del patriarca aquileiese che le avrebbe rivolute indietro. Nell’impossibilità di riaverli indietro, il patriarca di Aquileia Gregorio da Montelongo vendette allora la prima al veneziano Marco Querini e la Villa di Croce al Nobil Homo Albertino Morosini di Venezia. Si scatenò una contesa tra il Comune di Treviso e il patriarca di Aquileia, inframmezzata da qualche calamità naturale:
1269: carestia causata da una cattiva annata agricola; e scossa di terremoto;
1276: alluvione; e inverno particolarmente rigido;

Passata, dunque, al libero Comune di Treviso, Mussetta fu donata come dote nuziale alla poetessa Gaia da Camino per il suo matrimonio con il cugino, Tolberto III. [Giovanni Battista Picotti, I Caminesi e la loro Signoria in Treviso dal 1283 al 1313, Roma, Multigrafica, 1975].
Cunizza, unica sopravvissuta dei da Romano, ritenendo di avere ancora dei diritti sul feudo ne fece atto di donazione ai suoi nipoti, i Conti di Mangona, il 10 giugno 1279. [Carlo Milanesi, Atto di donazione di Cunizza da Romano al Conte Alessandro da Mangona, in Giornale storico degli archivi toscani, vol. 2, Firenze, G. P. Vieusseux, 1858, pag. 290] [Angelo Marchesan, Treviso medievale. Istituzioni, usi, costumi, aneddoti, curiosità, presentazione e aggiornamento bibliografico di Luciano Gargan, 3ª ed., Bologna, Atesa, 1990, pag. 275]
1285: terremoto;
1287: carestia causata da una cattiva annata agricola; tutto il Veneto è attanagliato dalla fame.

Le calamità seguivano i ritmi della tombola.

La deviazione dell'alveo del Piave, che aveva comportato la separazione della chiesa dal suo territorio di riferimento, comportò anche che si cominciò a dire San Donato de qua de la Piave per distinguerlo da quello attiguo alla cappella: San Donato oltre la Piave (l'attuale Musile di Piave).

Solo nel 1291 il patriarca rinunciò ai propri diritti giurisdizionali. Ma l’anno successivo (1292) riscoppiò la guerra: il patriarca occupò Mussetta e ne rivendicò il possesso. Per piegare la resistenza del Comune di Treviso, il patriarca arrivò a lanciare anche l’interdetto sulla città di Treviso e sui suoi maggiorenti. [Giovanni Battista Verci, Storia della Marca Trivigiana e Veronese, Bologna, Sala Bolognese Forni, 1980] Lo stesso patriarca vendette in quell'anno 1292 il feudo di Mussetta al patrizio veneziano Marco Querini, vendita che scatenò la guerra fra il patriarca e Treviso. L’interdetto su Treviso fu sospeso nel 1295 allorché si stabilì una tregua d’armi e una risoluzione che attribuì Mussetta al Comune di Treviso, che affidò a sua volta la gestione del feudo alla potente famiglia dei Da Camino. [Romanin]
Un documento del 3 novembre 1296 [citato da A. Marchesan in Treviso medievale app. 10] riferisce che il patriarca Benedettino Raimondo non fu mai in possesso della Villa di Croce, bensì lo era stato il patriarca Gregorio da Montelongo, il quale verso il 1260 aveva consegnato tale possesso al Nobil Homo Albertino Morosini di Venezia. Sembra insomma che il patriarca avesse ceduto Croce, oltre il Piave, e mirasse a tenere Mussetta e San Donato. L’interdetto su Treviso fu ritirato nel 1297 quando un nuovo arbitrato attribuì a Treviso la località di Croce.

1301: «Dopo April peste, gran mortalità, 30 novembre ad ora di Vespero gran terremoto, durò 10 giorni».
[G.B. Galliccioli, Delle memorie venete antiche profane e ecclesiastiche, Venezia 1745]

San Donà di Piave... provincia di Venezia

Dopo esser cresciuta sul mare, Venezia stava cominciando a rivolgersi alla terra ferma; a uno a uno i territori vicini alla laguna finivano in mano alla Repubblica e Croce finiva in mano alle famiglie nobili veneziane. Il territorio di Croce (con Musile, che però nonostante la presenza della chiesa di san Donato, era ancora un’esigua e paludosa striscia di terra lungo la Piave) fu compreso in quello che fu denominato “Dogado” prima e “Rason Vece” poi. Compito del Dogado era la “conservazione dei diritti sopra i terreni, acque, palude, ed altri averi di pubblica ragione”, “non meno che la tutela delle strade e canali interni della Dominante, onde vigilare...”. La Dominante era Venezia, ovviamente.

“Fra le molte Magistrature istituite ad esigere, a perseverare con assidua vigilanza le pubbliche rendite del Principato occupavano luogo distinto li due Uffici delle Rason Vecchie e Nuove”. E ancora: “Continuando nei Dogi il diritto di far eseguire le sentenze delle già istituite Magistrature, esercitavano questa loro giurisdizione col mezzo de’ loro Ministri, detti Commandadori…”

Ma anche per mezzo dei Commandadori era faticosa da Venezia l’amministrazione di questi luoghi: “Sì fatta pratica fu in questo secolo (XIII)… riputata troppo gravosa alla primaria dignità della Repubblica, onde a decoro, e sollievo de’ Dogi si istituì un ufficio detto del Gastaldo”. Il termine era rubato dalla tradizione longobarda. San Donà era ‘gastaldia’ almeno dal 1152. “Tutti questi Tribuni e Gastaldi dipendevano dai Dogi che di tutto il dominio tenevano il Governo”.

I Gastaldi amministravano e si preoccupavano di inviare merci a Venezia: ovviamente dovevano qua e là pagare dazio. In un quaderno del dazio sul pane e sul vino, conservato nella Biblioteca Capitolare di Treviso, sotto la data 1302, sono elencati i seguenti dazi: «sotto datio de Croce, 7 soldi grossi; Musil (Frazione di S. Donà) comuni tervisii, 32 lire piccoli; S. Donato del Plavi (Mussetta), 26 denari grossi». Quell’anno vi era stato un inverno particolarmente rigido.


Le palade

Le “palade” erano le barriere doganali veneziane e trevigiane poste sul Piave o sulle sue varie diramazioni per controllare il commercio fluviale fra i due stati: poiché Croce era al confine tra i due stati deduciamo che qualcuna delle palade dovesse trovarsi nel suo acquitorio. Nel 1302 Venezia codificò le norme cui dovevano soggiacere le palade (Treviso l’avrebbe fatto nel 1328): esse dovevano stare aperte solo in tempo di pace e solo dall’alba al tramonto in modo da consentire ad appositi funzionari di controllare sia il passaggio dei viaggiatori che delle merci, riscuotendo le eventuali imposte. Forti multe venivano comminate a chi evitava di accostarsi alla palada con la barca e anche per quei custodi che non ispezionavano attentamente i carichi favorendo l’evasione fiscale e il contrabbando.

Dazi e balzelli si aggiungevano alle decime e ai taglieggiamenti che proprietari e fattori imponevano ai coloni, per cui a questi ultimi rimaneva appena di che sopravvivere: bastava un’annata agraria avversa perché si verificasse una carestia. E anche quella era una musica che non finiva mai:

1304: inondazione;

1314: una spaventosa inondazione della Piave nell’autunno precedente è alla base di una terribile carestia; [G.B. Verci]

1317: inondazione e scossa di terremoto; ma si ha anche una eccezionale produzione di uva.

1318: carestia;

1318-19: inverno rigidissimo, gelarono i fiumi.

...provvisoriamente sotto gli Scaligeri

La perdita di prestigio dell’abbazia del Pero andava di pari passo col venir meno dell’autonomia da Treviso, un tempo garantita dai forti legami con Aquileia. Cambiate le circostanze, era invece Aquileia ad aver infeudato dei suoi beni trevigiani i da Camino. Il ruolo della potente famiglia trevigiana rappresentò per l’abbazia un baluardo a difesa dal nuovo dominio scaligero, affermatosi nel 1329 con la conquista di Treviso, in seguito a una lunga guerra condotta da Cangrande della Scala.

Mentre il territorio veniva saccheggiato dalle truppe scaligere, in data 9 agosto 1329 il podestà di Treviso Pietro dal Verme ordinò agli uomini di Zenson, Fossalta, San Donato e Croce di Piave di inviare a Treviso le armi e i cavalli tolti a forza ai soldati di Can Grande della scala durante la guerra sotto minaccia di multe gravissime; ma trovò risposte ostili dal mariga di Zenson, che temeva i signori Da Camino, ben saldi nei castelli di Mussa, Mussetta e Sant’Armelio; in aiuto dei locali intervenne la Repubblica Veneta.
[Pavanello: La città di Altino, Treviso 1900, p. 148].

1330: inondazione.

Esser finiti sotto l’orbita degli scaligeri comportò misure fiscali e obblighi militari sicuramente indesiderati. Un atto del 6 febbraio 1334 obbligava i seguenti paesi a mandare guastatori a Bressello, dove si trovava Mastino della Scala, a proprie spese: Croce di Piave 1, Negrisia 2, Ponte di Piave 2, Noventa 1, Chiarano 2, …
[G.B. Verci, Storia della Marca Trevigiana, Venezia 1797]

1335: scossa di terremoto.

Sul possesso del castello di Mussa nacquero alcune controversie nel XIV secolo (tra Rizzardo IV da Camino e il comune di Treviso). [Johannes Rainer, Rizzardo da Camino, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 17, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1974]

Il 5 settembre 1337 Mussa fu concessa in feudo a Morando di Porcia da Bertrand de Saint Geniès, patriarca di Aquileia.
[Francesco Di Manzano, Annali del Friuli ossia raccolta delle cose storiche appartenenti a questa regione, vol. 4, Udine, Trombetti-Murero, 1862, pag, 419]
[Giovanni Battista Verci, Storia degli Ecelini, vol. 3, Venezia, Picotti, 1841, pag. 351]


1339: Treviso definitivamente sotto la Serenissima

Il dominio degli scaligeri non durò a lungo: proprio il possesso di quest’area e dei castelli di Oderzo e Motta di Livenza determinò una guerra con Venezia, guerra che si concluse il 24 gennaio 1339 con il passaggio di Treviso e tutti i suoi territori sotto la signoria di Venezia. Più propriamente si trattò di un atto di dedizione.
Il suo territorio era ancora in gran parte ricoperto di boschi, come rivela un resoconto finanziario del comune di Treviso dell’anno 1340 – Treviso da due anni era l’oggetto delle mire dei signori da Carrara, signori di Padova – da quale risulta che le rendite dei boschi «di sotto Arzone, di Mussetta, di Navolè, di Marteia, di Onolè, di San Donà, di Croce, … » fruttarono un incasso complessive di lire 2500.

Una singolare carestia si verificò nel 1340 o 1341, causata da sciami di locuste, provenienti dal Friuli, che a primavera inoltrata divorarono ogni sorta di erbe e persino la corteccia degli alberi. Contro il flagello era impotente ogni provvedimento: le autorità offrirono persino un premio per ogni stajo di insetti uccisi (circa 10.000 lire del 1995 per ogni 75-80 kg.). Ne consegue una carestia.
Vi si somma una pestilenza, giunta probabilmente dall'oriente, che infierirà fino al 1342. [VOLLO L. "Il Piave", Firenze 1942]
La cronaca annovera anche un terremoto e un'inondazione del Piave nel 1343.

Nella primavera del 1347 diversi fornai panificano miscelando la farina di frumento con quella di segale e di orzo; l'annata agricola è scarsa; la carestia che ne deriva favorisce il diffondersi l’anno successivo di una delle epidemie più gravi della storia: il morbo si manifestava in modo così virulento che in tre giorni portava alla morte chi ne era infettato ed era talmente contagioso che uccise quasi i 2/3 degli abitanti del Veneto (è la famosa peste del Boccaccio, del 1348). Si tratta di indovinare quanti sono gli abitanti della campagna di Noventa, di Mussa... Per quanto si andasse disboscando lo scenario rurale non si andava modificando di molto.

Nel gennanio del 1359 cadde così tanta neve che i buoi non riuscivano a trainare i carri. In quell’anno vi fu anche una inondazione.
Nel 1361–1363 un pestilenza di una violenza pari a quella del ’48 quasi dimezzò la popolazione della regione.
L’anno successivo (1364) si ripetè l’invasione di cavallette: gli sciami erano così sterminati che impedivano a volte il transito per ore da un luogo all’altro, e ovviamente lasciavano il terreno spoglio di ogni forma di vita vegetale; quell’anno fu anche avvertita una scossa di terremoto.
Nel 1368 ancora una inondazione.
Nel 1372 si diffuse una pestilenza, la cui causa fu ravvisata in «un maligno aspetto di Saturno e di Marte, l’uno nel segno di Vergine e l’altro in Gemini dove non hanno dignità alcuna».

E ancora guerra.
I desideri di rivalsa degli Scaligeri, le ambizioni dei da Carrara, le discordie fra i da Camino in quel di Oderzo e le antiche rivendicazioni dei patriarchi aquileiesi produssero negli anni successivi una serie di guerre e di mutamenti di regime che desolarono tutto il Basso Veneto: milizie mercenarie battenti più bandiere vi commisero impunentemente saccheggi, le violenze e i soprusi. Le ostilità si aprirono nel 1379 allorché Venezia si trovò a fronteggiare una lega formata da Francesco da Carrara, signore di Padova, la Repubblica di Genova, il patriarca di Aquileia e il re d’Ungheria. L’aspro conflitto si chiuse con la pace di Torino (1381), in cui Venezia, resasi conto di non poter conservare il possesso di Treviso, preferì cedere la città e il suo territorio a Leopoldo duca d’Austria pur di non vederlo soggetto ai padovani.
Il dominio austriaco fu però brevissimo poiché Francesco da Carrara nello stesso anno (1381) cominciò a occupare il territorio e stringere d’assedio Treviso, sicché il duca d’Austria preferì venire a un accordo e nel 1383 gli vendé sia la città che il suo distretto.
A minare la tranquillità degli abitanti di Croce, di Mussa, di San Donà... più che il mutar dei signori, fu un’altra pestilenza nel 1382, «da marzo fino ottobre. In Venezia vi morì il doge Michiel Morosini e 10 mila persone», peste attribuibile questa volta a una «horrenda cometa di longhezza, quanto si poteva misurar con gli hocchi di 20 palmi», e quindi un’inondazione nel 1383.
I da Carrara non riuscirono a tenere saldamente i territori da poco ottenuti: nel 1388 si sollevò Treviso, imitata dai centri minori, che approfittarono di un guerra fra quel casato e i Visconti di Milano, per cui Treviso ritornò a far parte della Repubblica di Venezia, e questa volta in modo duraturo.

Completiamo il secolo con una carestia dovuta a una cattiva annata agricola nel 1390, in bellezza con una pestilenza nel 1400, probabilmente diffusa dai pellegrini che si recavano a Roma per il Giubileo.

Nel 1403 una rotta del Piave a Noventa provocava danni.

Una ducale del marzo 1409 del doge Michele Steno ordina agli abitanti rivieraschi, da Negrisia a Mussetta, di accelerare la riparazione degli argini a cui son tenuti.

Di qualche mese dopo (9 settembre 1409) è un decreto del podestà di Treviso che obbligava le Ville lungo le sponde del Piave di provvedere a riparare o costruire solidi argini per scongiurare gli straripamenti esimendoli dai gravami fiscali.
[P. Davide: Abbazia di Monastier, pag. 70]

La situazione lungo il Piave è disastrosa. Ma a chi tocca effettivamente aggiustare e riparare?

Nel 1410 la Repubblica decretò il censimento dei beni presenti nel territorio di San Donà e l'accertamento dei titoli di proprietà dei confinanti per appurare eventuali appropriazioni indebite.
Il Basso pave doveva mostrare un volto ben misero: boschi, prati e pochi terreni arativi emergevano, come isole, da un'immensa palude in continua espansione per le frequenti alluvioni del Piave. La pessima situazione ambientale rendeva l'area del tutto insalubre regnandovi sovrana la MALARIA. Il dominio del morbo era incontrastato non essendo nemmeno classificato tra le malattie; in quanto se ne ignoravano le cause, salvo un'intuizione sul mal aere tipico dell'ambiente palustre. Di conseguenza non vi erano rimedi atti a combatterlo.
Come se non bastasse, a rendere più desolato il territorio ci pensarono le tuppe di Sigismondo di Boemia, in guerra con Venezia, che in pochi mesi di occupazione (autunno 1412 - primavera 1413) si resero protagoniste di ogni sorta di atrocità, lasciando la zona nel più completo squallore: nel 1414 Mussetta era spopolata e Cittanova era ridotta a «de 5 in 6 vechi che solo erano rimasti in Villa»
La popolazione, abbandonata Mussetta, si era insediata lungo i confini del territorio della Serenissima, presso l'attuale San Donà di Piave, ponendosi sotto la protezione della Repubblica di Venezia.
Con la fine della guerra tra la Serenissima e il Regno d'Ungheria, la Repubblica incentivò lo sviluppo del territorio offrendo esenzioni fiscali agli agricoltori disposti a trasferirsi. Venezia, infatti, era direttamente interessata alla ripresa economica dell'area di San Donà, in quanto gran parte della superficie comunale era di proprietà demaniale.

Del 1419 è una nuova inondazione del Piave.

Effettuato il censimento dei beni demaniali, la Serenissima destinò un gastaldo a gestirli. Al Gastaldo fu anche affidata la direzione della vita pubblica di «quelli lioghi», ovvero la gestione del territorio di SS. Donati et Hermelii de Plavi, e gli fu fatto obbligo di abitare nella casa dominicale costruita vicino alla riva del Piave nel punto di miglior approdo. [Sanudo]
Il Gastaldo ebbe infine il compito di controllare il taglio dei boschi di Grassaga che allora costituiva una delle maggiori fonti di approvigionamento di legna da ardere della città lagunare. [Cornaro, Scritture sulla laguna, 1935]

Nel 1425/27 un'epidemia di peste.
Nel 1431 un'epidemia di colera. Alla fine dell'anno, l'inverno eccezionalmente rigido provocò mortalità di uomini e di animali.

Nel 1437 l'appalto del taglio dei boschi di cui sopra e del trasporto della legna a Venezia fu assegnato a Cristoforo Liberale che si impegnò a elevare da 1000 a 2000 passa il quantitativo di legna da vendere annualmente in città, a condizione di non avere penalità in caso di siccità o di gelo tali da impedire il trasporto fluviale e di migliorare la navigazione dei canali d'accesso. [Bellis, Annali opitergini, 1960]

1438: ancora peste.
A tal fine nel 1440 furono iniziati i lavori di sistemazione di un tratto del Canal d'Arco, lavori che, per fortunose vicende di appalti e appaltatori, si sarebbero protratti molto in lungo, per un secolo.

Sempre in quel 1440 papa Eugenio IV Condulmer, veneziano, soppresse la Diocesi di Cittanova poiché la località si era spopolata e il territorio della diocesi era divenuto una landa malsana, sichhé da quasi un secolo i vescovi non vi abitavano più, benché venissero scelti in prevalenza fra religiosi apparteneneti a ordini monastici, e quindi temprati a una vita di sacrifici. Eugenio IV nel sopprimere la diocesi trasferì il territorio con ogni proprietà, diritto e privilegio, ai patriarchi di Grado. Ma nel 1451 papa Nicolò V Parentucelli soppresse quell'antichissimo patriarcato per lo stesso motivo, e trasferì tutto al nuovo vescovo di Castello, cui trasmise anche il titolo di Patriarca (di Venezia).

Ma intanto l'anno prima, nel 1450, ci fu una nuova alluvione del Piave. Era il caso di mettere mano a argini e protezioni. Per garantire la salvaguardia del territorio la Repubblica pensò bene di dare in affitto quei (questi!) territori a dei privati.

L’affitto della Gastaldia di San Donà
da parte di Francesco Marcello e Angelo Trevisan

Nel 1450 la grande proprietà demaniale di San Donà fu affittata a un nobile veneziano: Domenico Trevisan. Il Gastaldo ducale cessò pertanto dall'essere l'amministratore fondiario, ma restò in loco conservando le funzioni amministrativo-giudiziarie pubbliche e assumendo il compito di controllore dell'adempimento delle norme di fittanza. [Archivio Storico di Venezia, Provveditori sopra feudi b. C-IV]

Nel 1451 ci fu un terremoto, ma erano poche le cose che potevano crollare.
Altro terremoto ci fu nel 1465, e nel 1467 un'alluvione della Piave.

Nel 1468 il Senato della Repubblica Veneta deliberò e ordinò ai Tre Savi, deputati a ricuperare denaro per la Repubblica che si trovava in difficoltà economiche a causa delle guerre di difesa dei propri territori, di vendere alcuni possedimenti in terraferma.

die XXVI maj
Non data in [?] per diu rettenta

El fo prexo ali zorni passati in questo Conseio (Senato), et commesso ai tre Sauui, deputati al recuperar danari, che dovessero intender tuti li beni de la Signoria nostra, existenti neli territorii nostri da parte da terra (di terra ferma), et minutamente informarsi de la condition et qualità de quelli (beni), azo che parendo a questo Conseio et constrenzendone cussì el bisogno el se potesse deliberar la vendition soa. Et, chome ognun intende, se mai el fu necessario recuperar grande summa de danari et presto per li besogni nostri, le (così è) al presente, chome ognun intende.

Perunde, attrovandose nel territorio nostro trivisano el livello de ducati 840 de la Gastaldia de Sandone (San Donà), et la Gastaldia de Santa + (Croce), item nel territorio de Padoa si trova el Lago de Guidizuol, cum algune valle che sono del fu Thadio Marchexe, messe ne la Signoria nostra, per parte del credito che havea la signoria nostra prefacta cum dito Thadio Marchese; preterea nel territorio de Este et padoana alguni livelli, feudi et altri beni sono del marchexe de Ferrara. De li qual tuti si potrà haver per vendition bona summa de danari.

Et però (perciò) sia preso (deliberato) chel predeto livello de Sandone et Gastaldia de Sancta + , Lago de Guidizuol cum predicte valle, item tuti i livelli, e feudi predicti, et altri beni predicti siano messi al publico incanto et per tre zorni incantadi cadaun de quelli. Et poi delivradi (consegnati) a chi più offerirà , cum quello più avantazo de la Signoria nostra che far se potrà. Ma avanti che per i prefati Savi se vegni ala delivration de algun de quelli, debiano vegnir ala presentia de la Signoria nostra et a quella per zornata (giorno per giorno) dichiararli el prexio li serà sta offerto. Et poi, parendo cussì ala prefata Signoria e Collegio, Quelli et cadaun de quelli delivrar insieme et divisim a parte a parte, chome al Collegio parerà delivrar possi ali più offerenti ut supra. I denari del tracto (del ricavato) diquali non se possi spender in alguna cossa, senza licentia de questo Conseio.

De parte _____ 152 [Voti per il sì]
De non ______ 10 [Voti per il no]
Nonsint ______ 7 [Astenuti]

Il 19 dicembre 1468 si aggiudicò l'asta Giovanni Gradenigo, nobile veneziano, per il canone annuo di 840 ducati, ma la sua morte, avvenuta prima della stipulzaione del contratto, rese necessaria una nuova asta.

Nel 1470 la Piave, rotto l'argine a Romanziol, dilagò sradicando vigneti e abbattento più abitazioni.
Nel 1473 i terreni di qua e di là del Piave verso la sua foce (e quindi anche la Gastaldia di "San Donato posta sopra la Piave") furono di nuovi posti in vendita dai Deputati “sopra la recuperation del danaro”, cioè all’incanto.
In questa seconda asta, nessuno però riuscì a comprare tutto; le varie parti furono allora divise: il 2 settembre 1475 fu affittata la sola Gastaldia di S. Donà e risultarono deliberatari i cognati Francesco Marcello e Angelo Trevisan .

Poiché nessuna proprietà può considerarsi in ordine se non è dotata di una chiesa nella quale gli abitanti della Castaldia possano compiere i loro uffici religiosi, i nuovi affittuari chiesero al doge Vendramin, che trasferì la richiesta al papa, di costruire una chiesa.

La bolla di Sisto IV che concede ai nobili Trevisan e Marcello di ricostruire la chiesa in San Donà

Originale Traduzione di Carlo Dariol
1476 feb. 6 6 febbraio 1476
Sixtus episcopus servus servorum Dei.
Dilectis filiis Francisco Marcello et Melchiori ac Angelo Trivisano, nobilibus Venetiarum, salutem et apostolicam benedictionem
Sisto vescovo, servo dei servi di Dio.
Ai diletti figli Francesco Marcello e Melchiorre e Angelo Trevisan, nobili delle Venezia, salute e apostolica benedizione.
Sisto IV, Francesco della Rovere, papa dal 1471 al 1484.
Servus servorum Dei: formula inventata da Gregorio I Magno (590-604) per indicare il Papa
Sincere devotionis affectus quem ad nos et romanam Ecclesiam gerere comprobamini merito nos inducunt, ut vobis vestris illis presertim que ex devotionis fervore procedere conspicimus, quantum cum Deo possumus favorabiliter annuamus. L’affetto di devozione sincera che siete stati riconosciuti di portare con merito a Noi e alla Chiesa Romana, ci inducono, poiché vediamo che tali cose procedono soprattutto dal fervore della devozione, a concedere con favore quanto per mezzo di Dio è in nostro potere.
Sane pro parte vestra nobis nuper exhibita petitio continebat, quod in certis tenimentis seu iurisdictionibus ac possessionibus dudum ut creditur cultivatis nuper vero buschivis et communis castaldiis Sancti Donati de Piave nuncupatis (= dichiarate) in Tarvisina seu Cenetensis diocesis consistentibus (= facenti parte), per dilectum filium nobilem virum Andream Vendramino ducem Venetiarum, ad quem castaldie huiusmodi spectabant, vobis ad livellum seu perpetuum emphiteusim concessit vestigia dumtaxat (= soltanto) multarum ecclesiarum…… et aliis sinistris eausantibus eventibus penitus (= all’interno) collapsarum reperiuntur, quibus seu illarum alicui habitatores dictarum castaldiarum certam partem quartesima nuncupat extractibus et bonis escrescentibus in dictis castaldiis et alia parochialia iura, ut verisimiliter creditur dare consueverunt, sed distructis ecclesiis predictis habitatores prefati carentes administrationibus ecclesiasticorum sacramentorum ad parochialem ecclesiam Sancti Mauri de Noventa, dicte tarvisine diocesis tamquam propinquiorem et eis commodiorem habuerunt recursum, et illius rectori quartesimam partem iamdiu dederunt, prout (= secondo che, in quanto) dant de presenti; Opportunamente la petizione da parte vostra a noi esibita recentemente riferiva che in certi tenimenti, ossia giurisdizioni e possedimenti un tempo ritenuti a coltivo, ma recentemente in verità lasciati a bosco e comuni alle castaldie di San Donà di Piave, dichiarate far parte della diocesi di Treviso ovvero di Ceneda, (per mezzo de) il diletto figlio nobil homo Andrea Vendramin, Doge delle Venezie, al quale spettavano le castaldie di questo tipo, a voi concesse a livello ossia in enfiteusi perpetua soltanto le vestigia di molte chiese [che a causa di… o ] per altri eventi disastrosi dovessero trovarsi crollate all’interno di tali territori; ad esse, o a qualcuna di quelle, egli dichiara che gli abitanti di quelle castaldie erano soliti corrispondere il quartese tra quanto si ricava e tra i beni che crescono nelle dette castaldie e, come verosimilmente si crede, anche gli altri obblighi parrocchiali; ma andate distrutte le predette chiese, i predetti abitanti, considerandosi privi di amministratori dei sacramenti ecclesiastici, avrebbero fatto ricorso alla chiesa parrocchiale di San Mauro di Noventa, della detta diocesi tarvisina, in quanto più vicina e più comoda per loro, e al rettore di quella già da un pezzo danno il quartese
- La castaldia in epoca medievale era una proprietà amministrata da un funzionario (castaldo) per conto del re; qui è da intendersi per conto del vescovo alla cui diocesi la castaldia appartiene.
- La diocesi di Ceneda è l'attuale diocesi di Vittorio Veneto.
- Andrea Vendramin (1476 -1478) LXXI Doge delle Venezie. Personaggio umile ed umano, discendente da una delle famiglie “nuove”, quando il suo nome iniziò a prendere corpo nelle votazioni della Quarantia il notaio, più propenso all’elezione di un esponente d’un casato aristocratico tentò un broglio elettorale a favore di Benedetto Venier, ma la cosa non passò inosservata e le schede furono annullate. Andrea Vendramin fu eletto col minimo del quorum all’età di 83 anni senza aver fatto altro nella vita che esercitare il commercio; quando salì al soglio i suoi capitali erano stimati intorno ai 160.000 ducati d’oro. Durante il giro in "pozzetto" il neo doge non distribuì monete d’argento ma d’oro e durante il suo breve dogado fu prodigo e munifico con tutti i bisognosi e magnanimo nel somministrare la giustizia, tanto da meritarsi un riconoscimento ufficiale da papa Sisto IV che, per la sua bontà d’animo gli conferì la “rosa d’oro”, e che egli depositò nel tesoro di San Marco. Sul fronte turco però le cose non gli andarono bene: nel giro di poco tempo furono perse Tana e Soldaia, quindi Genova perse Caffa facendo saltare così tutto il commercio nel Mar Nero. Andrea Vendramin morì il 6 maggio 1478, all’età di 85 anni, e fu sepolto nella chiesa dei Servi; nel 1815 il monumento con le sue spoglie fu traslato a SS. Giovanni e Paolo).
- Ad livellum= a livello (dal lat. libellum = libretto sul quale era trascritto il contratto relativo): anticamente era un contratto simile all’enfiteusi.
- Enfiteusi (dal gr. emphyteusis, da emphytéuein = piantare dentro): diritto di godere un fondo altrui con l’obbligo di apportarvi migliorie e di corrispondere periodicamente un canone in denaro o in natura
et quod iux[…] predictus castaldias predictas in perpetuum emphiteusim ut ille [= illae] ad debitum culturam reducerentur vobis concessit, ut premittitur, quodque vos pro reductione dictarum castaldiarum quatuormillia ducatorum, vel circa, iam exposuistis, et habitatores in dictis castaldiis sunt quamplurimi et colloni seu laboratores earum qui, cum ecclesiam non habuerint ad quam se commodi pro divinis andiendis conferre valeant, propter distantiam ecclesie predicte de Noventa, que ad aliquibus ip(s)arum castaldiarum sex miliaribus a propinquioribus vero duobus miliaribus vel circa distant, habitatores ipsi sepe missas et alia divina officia minime audire possunt quinimo quod deterius est aliqua confessione et aliis ecclesiasticis sacramentiis, aliquando ipsos decedere contingit in opprobium catholice fidei, animarumque suarum periculum et plurimonun scandahun non modicum. e poiché [secondo … il Doge predetto] vi concesse le gastaldie predette in enfiteusi perpetua affinché quelle (chiese) vengano restituite al culto, come si premette, e poiché voi per la ristrutturazione di dette gastaldie avete già speso 4000 ducati, più o meno, e gli abitanti delle dette gastaldie, tra coloni e lavoratori, sono alquanto numerosi, e, non avendo una chiesa nella quale riescano con agio a riunirsi per le pratiche del culto, a causa della distanza della predetta chiesa di Noventa, che da qualcuna delle dette gastaldie dista anche sei miglia e dalle più vicine non meno di due miglia, gli stessi abitanti spesso non possono neanche ascoltare le messe e gli altri uffici divini e, ciò che è peggio, neanche pender parte alla confessione e agli altri sacramenti ecclesiastici qualora gli capiti di cadere in obbrobrio della fede cattolica, in pericolo dello loro anime, con non piccolo scandalo dei più.
Et sicut eadem petitio subiungebat, si unam ex predictis ecclesiis in dictis castaldiis consistentibus collapsis reedificandi aut aliam in commodiori et magis concedenti loco subvocabulo beate Marie Gratiarum in eisdem castaldiis seu territorio Sancti Petri Casacalta in corpore ipsarum castaldiarum esistente, de novo edificandi licentiam concederetur et ad illas postquam erecta esset, iuspatronatus et presentandi personam idoneam quotiescumque illa pro tempore vacare contigerit, vobis et heredibus ac successoribus vestris masculis reservaretur ecclesiam collapsam predictam cum domo pro illius rectore competenti reedificaretis seu aliam cum dicta domo sumptibus propriis de novo edificaretis illique de missali, calice, et paramentis necessariis provideretis, nec non (= e anche) quadragesimam partem omnium et singulorum fructuum in dictis castaldiis escrescentium pro dote ipsius ecclesie, et illus [= illius] rectoris, pro tempore existentis, qui ecclesiastica sacramenta incolis et habitatoribus predictis ministrare haberet competenti sustentatione. E poiché la stessa petizione soggiungeva, nel caso si dovesse riedificare una delle predette chiese che si trovasse crollata nelle dette gastaldie o costruirne un’altra in luogo più comodo e favorevole, che venisse concessa licenza di edificarla ex-novo intitolandola alla Beata Maria delle Grazie, all’interno delle stesse gastaldie ossia nel territorio di San Pietro Casacalta sempre nel territorio delle stesse gastaldie; e una volta che fosse stata eretta, a quelle (cioè alle gastaldie) tocchi il giuspatronato e anche il compito di fornire una persona idonea tutte le volte che a quella (la chiesa) capiti di essere temporaneamente vacante, a voi e ai vostri eredi e successori maschi sia riservato che ricostruiate la predetta chiesa crollata con annesso un edificio per il rettore responsabile di quella, oppure che ne edifichiate ex novo un’altra con la detta casa e le pertinenze proprie e la forniate di messale, calice e paramenti necessari, ed anche che quella abbia, come necessario sostentamento, la quarantesima parte di ogni cosa e di ogni frutto che cresca in dette gastaldie come dote per la stessa chiesa e per il suo rettore, il quale si trovi ad amministrare pro tempore i sacramenti ecclesiastici agli abitanti e agli affittuari nominati,
Ita tamen quod habitatores predicti ecclesie de Noventa… aliquid de cetero dare aut solvere prout non consueverant, minime tenerentur cum ipsius ecclesie de Noventa rectores pro tempore existentes ex illius fructibus qui valorem centum viginti quinque florenorum auri de camera commune extimatione excedunt se comode sustentare possunt, perpetuis futuris temporibus dare et consegnare promitterebis et ad hoc facie... Poiché tuttavia gli abitanti della predetta chiesa di Noventa… non erano soliti dare o pagare qualcosa d’altro, minimamente saranno tenuti dal momento che i rettori della stessa chiesa di Noventa esistenti pro tempore si possono sostentare di quei frutti che eccedono nella stima il valore di 125 fiorino d’oro di camera comune, voi prometterete di dare e consegnare per i tempi perpetui futuri e a questo scopo…
… Vos et possessiones predictas idonea cautione obligaretis et ultra predicta pro dicte dottis augumentos duos campos terre et ducatos centum auri de camera imprestitorum venetorum donaretis, quo ad dictorum habitantium maxime commodum et eorum animarum salutem ac ecclesiarum et divini cultus augumentum rederet. … voi da un lato obblighereste le predette possessioni con idonea cauzione, dall’altro, oltre quanto detto, ad accrescere la detta dote, donereste due campi di terre e cento ducati d’oro della camera dei prestiti veneti, affinché torni di comodo massimamente ai detti abitanti, di salvezza alle loro anime e di accrescimento del culto divino.
Quare pro parte ducis prefati et vestrorum nobis fuit hmniliter supplicatum, ut vobis unam ex collapsis ecclesiis reedificandi seu illam de novo fundandi et edificandi licentiam condecere, nec non (= e anche) iuspatronatus et presentandi personam idoneam ad illam, ut premittitur vestrisque heredibus et successoribus predictis reservare, aliasque in premissis opportune providere de benignitate apostolica dignaremur. Per tale ragione, essendoci stato umilmente supplicato da parte del Doge sunnominato e da parte vostra di concedervi licenza di ricostruire una delle chiese crollate sia di fondarne ed edificarne una nuova, anche troveremmo conveniente riservare, come premesso, ai vostri eredi e predetti successori il giuspatronato e il compito di fornire una persona idonea per quella e di provvedere opportunamente le altre cose secondo benignità apostolica
Nos igitur huiusmodi supplicationibus inclinati, si est ita, dictam ecclesiam reedificandi seu aliam de novo in commodiori et magis concedenti loco predicto pro ut vobis melius videbitur, sub dicto vocabulo de novo fundandi seu edifieandi ac, ut premittitur, dotandi, vobis licentiam elargimus, et nihilominus (= nondimeno) vobis heredibus et successoribus vestris masculis, postquam dictam ecclesiam cllapsam (= collapsam) sumptibus propriis cum domo predicta reedificaretis, seu aliam de novo fundaveritis et redificaveritis ac illi de missali, calice, et paramentis necessariis, ut premittitur, provideretis, nec non modo premisso dotaveritis, et feceritis iuspatronatus et facultatem presentandi personam idoneam ad illam tam primaria vice (= posto), quam alias quotiescumque pro tempore vacaverit, auctoritate apostolica tenore presentium concedimus pariter, et reservamus. Noi perciò, mossi dalle suppliche di questo genere, stando così le cose vi concediamo la licenza di riedificare la detta chiesa oppure di riedificarne un’altra di sana pianta nel predetto luogo più comodo e favorevole, dove a voi sembri meglio, di fondarne una nuova con l’intitolazione suddetta, di tirarla su e di dotarla come premesso, e nondimeno col tenore dell’autorità apostolica del pari concediamo e riserviamo ai vostri eredi e successori maschi dopo che abbiate ricostruito la detta chiesa crollata con le sue pertinenze o che ne abbiate rifondato un’altra di sana pianta e tirata su, che la dotiate di messale, calice e paramenti necessari, come premesso, e che anche, nel modo detto, ne abbiate il giuspatronato e la facoltà di fornire la persona idonea a quel posto primario quanto le altre cose tutte le volte sia per qualche tempo vacante.
Non obstantibus consultibus et ordinationibus apostolicis ceterisque contrariis quibuscumque nulli ergo omnino hominum liceat hanc paginam nostre elargitionis concessionis et reservationis infringere vel ausu temerario contrahire, si quis autem hoc attentare presumpserit, indignationem omnipotentis Dei ac beatorum Petri et Pauli apostolorum Eius se noverit incursurum. Non contrastando […] perciò a nessuno sia lecito infrangere questa pagina di concessione della nostra elargizione o contraddire con fare temerario; se qualcuno tuttavia presuma di attentare a questo, si consideri incorso nell’indignazione di Dio onnipotente e dei Suoi beati apostoli Pietro e Paolo.
Datum Roma apud Sanctum Petrum, anno incarnationis Dominice millesimo quadringen-tesimo septuagesimo sexto, oetavo idus februarii. Pontificatus nostri anno sexto anno. Dato a Roma presso San Pietro nell’Anno dell’Incarnazione del Signore 1476, l’ottavo giorno di febbraio. Anno sesto del nostro pontificato.

Il passaggio della Gastaldia da proprietà demaniale a possesso privato modificò l'assetto amministrativo della località. Dopo l'aggiudicazione dell'enfiteusi i pubblici poteri furono affidati dalla Repubblica a un funzionario (il Vicario Ducale) nominato dal Doge, anche se su proposta del livellario (e in seguito, del proprietario). Il Vicario doveva prestare giuramento di fedeltà alla Repubblica e aveva l'obbligo di risiedere a San Donà.
Il primo Vicario ((ser Antonio Luppo) fu insediato nel 1476 dal doge Pietro Mocenigo, ma solo nel 1479 furono precisate le sue funzioni, per cui si può datatre da quell'anno la nascita di una Amministrazione locale in San Donà di Piave.

Intanto c'erano stati negli anni 1475/77 passaggi di nuvole di cavallette che "quasi oscuravino il sole" e che determinarono una grave carestia. Ce ne sarebbe voluta di fatica a mettere in sesto questi territori.

Gli Statuta Sancti Donati riportano una ducale, cioè una lettera del Doge, emanata il 27 novembre 1479 e indirizzata ai podestà, ai rettori e agli altri magistrati dello Stato per informarli della costituzione della Gastaldia e del suo diritto di importare ed esportare merci in totale esenzione dei dazi. [Biblioteca Nazionale Marciana, codice latino cl. V, cod. C (2792)]
L'atto è fondamentale poiché secondo la legislazione allora vigente, l'emissione di certificati di franchigia sull'importazione o esportazione di merci da una località all'altra spettava a chi vi esercitava una giurisdizione territoriale civile e penale, veste che il Vicario di San Donà assunse in quel 1479.

La consacrazione del nuovo tempio dedicato a Santa Maria delle Grazie fu celebrata nel luglio del 1480 dal vescovo di Treviso fra Giovanni Zaneto (o Saona?) da Udine, dell'ordine dei Minori di San Francesco. Il 22 agosto dello stesso anno il Doge Giovanni Mocenigo (successore del Vendramin) (sentito il Consiglio dei Dieci) concesse l'investitura al suo primo rettore: don Pietro da Drivasto. [Treviso, Archivio vescovile, b. San Donà]
E come già la bolla di Sisto IV lasciava intuire, il placet dogale stabilì l'immediato trasferimento alla chiesa di Santa Maria delle Grazie del quartese della Gastaldia sino ad allora incamerato dalla Pieve di San Mauro di Noventa, ponendo fine alla vertenza sollevata dal pievano di Noventa al fine di conservare le decime anche dopo l'edificazione della nuova chiesa. [Treviso, Archivio vescovile, b. San Donà]

Nuove necessità finanziarie dovute alla Guerra di Ferrara spinsero la Repubblica a vendere definitivamente la Gastaldia ai livellari, che ne effettuarono l'acquisto il 26 giugno 1483 per 10.000 ducati.
(Intanto anche la gemella Gastaldia di Croce, nuovamente posta all’asta il 26 maggio 1483, era andata aggiudicata e fu acquistata dai fratelli Francesco e Domenico Foscari di Alvise il 13 agosto 1483, per ducati 5.610.)

È del 26 aprile 1485 una ducale al podestà di Oderzo in cui si ordina di fare accelerare i lavori di riparazione di una rotta nell'argine della Piave, fra San Donà e Noventa, ricordando che a tale opera sono obbligati anche gli abitanti di Salgareda e di Campodipietra oltre a quelli della Gastaldia di San Donà e di Romanziol, Lampol, Sabionera e Noventa. [Biblioteca Nazionale Marciana, Statuta Sancti Donati]. Il paese si stava appena formando quando fu colpito dalla peste (1486/89) con una mortalità attorno al 30% della popolazione; da un inverno talmente rigido da far gelare la laguna di Venezia e la Piave (1490) e provocare un'alta mortalità fra gli uomini e e fra il bestiame; da un'epidemia di mal francese (sifilide)(1496), contemporanea a una carestia in cui la gente non avendo più nulla da mangiare raccoglieva la gramigna, la tagliava a pezzi, la faceva seccare nei forni "et poi fatala maxenar feve pan".

Non sappiamo dunque se fu per occasione, per disperazione o per investimento che il 29 novembre 1496 Angelo Trevisan, uno dei due acquirenti, riscattò la metà della Gastaldia posseduta dal cognato Marcello.
E ampliò ulteriormente il suo possesso quando il 5 genare 1499 stipulò l'acquisto “dal patriarcha de Venezia per se, eredi et successori, del luogo di Fossà sotto Torcello con tutte le terre da formento, pradi e paludi tra questi confini da una parte una fossa ciamata Piveran, da l'altra il canal chiamato Canale dele Fronte, da l'altra il fiume Grassaga e da l'altra li luochi chiamati Gastaldia di San Donà, territorio trevisano, che prima tenevano li Trevisan a livello et poi divennero possesori.” [Archivio del Patriarcato di Venezia, b. B-XXV]
Questa proprietà costituiva una parte del patrimonio dei Vescovi di Cittanova e apparteneva da una cinquantina d'anni ai patriarchi veneziani. Sempre in quel 1499, il 3 aprile, il Trevisan effettuò un secondo ampliamento ottenendo in enfiteusi, sempre dal Patriarca di Venezia, un'altra proprietà con pascoli e paludi corrisponedente alle attuali località di Chiesanuova e Passarella. Quelle località erano allora sulla sinistra del Piave e pur essendo beni provenienti dalla soppressa Diocesi di Cittanova, dipendevano ecclesiasticamente dalla Diocesi di Treviso per via della rettifica dei confini fra le due diocesi avvenuta nel 1338.
Angelo Trevisan era quindi divenuto proprietario della quasi totalità dell'attuale territorio comunale di San Donà.

Il Vicario ducale, che aveva inizialmente giurisdizione sulla sola Gastaldia, con l'ampliamento dei possessi dei Trevisan, finì per avere giurisdizione in pratica sull'intero territorio cittadino odierno, ad eccezione di una porzione data in enfiteusi alla famiglia Moro dai patriarchi di Venezia. [Biblioteca Nazionale Marciana, "Statuta Sancti Donati, ducali varie...]