12 aprile 2009

420/168 - sonetto 298/163

El Paeazzo de Giustizia

I lo ha fat tondo parché un portento
ha tirà fora che el cerchio ’l é el simboeo 
de’a perfezion; e i lo ha fat de cemento 
e véro par creda che in te chel limbo

tutti posse, se ’i vol, vardarghe drento:
sol che abbinà ai avvocati el limbo
’l é ’l giron infernal ë irredento,
col cerchio so metafora de schimbo,

ché dà l’idea che ’a Giustizia vigente
l’é dove che ’i te manda torno torno, 
senza che te vegne a capo de gnente 

e alfin te te guadagna beffa e scorno
parché te trova ’a stessa grama zente 
– i avvocazzi bui –  dei cinema porno.

TUTTE LE POESIE LA CITTA' DELLE BAVE