4 maggio 2006

L'orifizio del ciribin




Te si bon de credarte giornaista

ché ’i te ’assa pissar ’e pì cretine 

notizie sul to giornal da sciacquine,

prepuzio de chi vol metterse in vista;



e inveze un porét te si de cronista

che mai no prova a butar via veìne

e trovar ’e storie (no monadine!),

che tant servirae portar in pista.



Un dì, come a quel che t’ha precedù

te capitarà de vèrza ’a vaìsa 

e pa’ ver scrit artìcoi del cazzo



pianzendo te te picarà in camisa

a’ trave che sta de traverso su

int’el sottoscaea del to paeàz.






Articoli e ti credi giornalista

perché ti lascian fare pisciatine 

sul tuo triste giornale da sciacquine

lisciando il pelo ai ciglioni più in vista;



un miserrimo invece sei cronista

che mai non prova a sondar mine

o a cercar storie (non cazzatine...)

che ben servirebbe portare in pista.



Un giorno, come al tuo predecessore,

ti capiterà d’aprir la valigia 

e d’aver scritto pezzi per il cazzo



soffrirai e t’appenderai alla grigia

trave che sosterrà un tardo pudore

nel sottoscala tetro del tuo palazzo.



 

TUTTE LE POESIE LA CITTA' DELLE BAVE