30 giugno 2006

Tu, sindaco, signora dei fioretti

Tu, sindaco, signora dei fioretti
che adorni la città di mille piante 
ceste d’ulivi e aiole nei vasetti,
sei forse ammanicata con le tante

ditte d'orticoltori e vivaietti? 
Oppur è l’estetica dominante
tua i tristi a non veder difetti 
di questa finta immagine sognante

che di te lasci e che doman si sfrezza?
Non t'accorgi che l’immagine vera
non è questa dell’amorevolezza 

femminile, tracimante e leggera
oggi, splendida vena d’allegrezza,
ma domàn più non dice, passeggera?
Ti, sindaco, signora dei fioreti
che te inpenisse ’a città de piante, 
zeste de ulivi e aiòe inte i vasetti,
situ forse imanegada co ’e tante

dite de orticoltori e vivaieti? 
O éa l’estetica dominante
tua i tristi a non vedar difeti 
de ’sta rifata imagine sognante

che de ti te ’assa e doman se sfreza?
T’accorzi-tu che l’imagine vera
no l’é questa de l’amorevoéza 

femminìe? Tracimante e lisiera
ancùo, vena eccelsa d’alegrezza
che doman pì no dise, passejera?

TUTTE LE POESIE POESIE CITTA' DEE BAVE